menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marino sottoscrive il manifesto dei sindaci per la legalità contro il gioco d'azzardo

Si chiedono leggi nazionali e regionali per regolamentare il gioco, informare e aiutare i giocatori patologici. Già 500 Sindaci hanno firmato l'appello

Il gioco d'azzardo avrà un nuovo 'nemico': il sindaco Ignazio Marino. Il primo cittadino di Roma infatti sottoscriverà il 'Manifesto dei Sindaci per la Legalità contro il gioco d'azzardo'. "Esprimo grande soddisfazione per la scelta del Sindaco di Roma Ignazio Marino" commenta in una nota il Presidente della Commissione Lavori Pubblici Dario Nanni che continua: "Da anni mi batto affinché questo settore venga regolamentato ed il fatto che il Sindaco di Roma abbia aderito alla richiesta che gli rivolsi qualche giorno fa di sottoscrivere questo appello rappresenta un fondamentale tassello in questa battaglia".

Tra le richieste, una nuova legge nazionale che regoli la riduzione dell’offerta, contenga l'accesso e garantisca un'adeguata informazione e un'attività di prevenzione e cura. Si chiedono anche leggi regionali che definiscano compiti e impegni delle Regioni per la prevenzione, la cura dei giocatori patologici e il sostegno all'azione di enti locali. Una legge questa che potrebbe essere particolarmente utile al Lazio. La regione infatti si è guadagnata il terzo posto per fatturato in concorso a premi e alcune famiglie spendono più per il gioco che per il riscaldamento.

"La prossima settimana, a testimonianza dell'impegno dell'attuale amministrazione arriverà in Consiglio Comunale anche la proposta di delibera su sale giochi e slot machine a mia firma, che una volta approvata, doterà la capitale d'Italia, di un regolamento specifico" continuna Nanni nella nota.

L'appello è stato già firmato da quasi 500 Sindaci. A loro si unirà Marino mercoledì 9 Aprile. Alle ore 14 infatti il Sindaco sottoscriverà il Manifesto. Oltre al Sindaco e a Dario Nanni, saranno presenti i responsabili delle due realtà promotrici dell'iniziativa, Piero Magri di Terre di Mezzo e Angela Fiorani della Legautonomie (Associazione Autonomie Locali).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento