Politica

Manifesti, Rodano (Idv): "Rimuovere pubblicità offensiva per donne è atto dovuto"

Il consigliere regionale di Idv, Giulia Rodano, afferma che rimuovere "per ordinanza dei manifesti che veicolano un messaggio offensivo per le donne è semplicemente un atto dovuto"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

rodano_original-2"Rimuovere per ordinanza dei manifesti che veicolano un messaggio offensivo per le donne è semplicemente un atto dovuto. Il minimo che il sindaco potesse fare, dopo che persino il trasporto pubblico aveva venduto spazi ad una campagna vergognosa, diseducativa, quanto mai inopportuna". Lo dichiara in una nota il consigliere regionale Giulia Rodano, coordinatrice donne Idv Lazio. "Mi auguro - prosegue - che ci sia anche una sanzione da parte dell'autorità garante per le Comunicazioni, poiché si tratta di una pubblicità che, purtroppo, rivela un clima diffuso in una parte del nostro Paese. Per rendere accettabile la condotta del presidente del Consiglio, le forze politiche di governo si mostrano infatti disponibili a sdoganare ogni sorta di oscenità sulle donne. Per fortuna la mobilitazione permanente dei comitati 'Se non ora quando' e delle donne di centrosinistra mostra che la società italiana possiede gli anticorpi per difendersi dallo scempio civile e morale di questo centrodestra" ha concluso Rodano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manifesti, Rodano (Idv): "Rimuovere pubblicità offensiva per donne è atto dovuto"

RomaToday è in caricamento