menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il messaggio pubblicitario incriminato. In basso il cartello nella zona di Gregorio VII

Il messaggio pubblicitario incriminato. In basso il cartello nella zona di Gregorio VII

A Roma manifesti contro coppie gay con figli: l'appello a Raggi per la rimozione

I cartelloni apparsi nelle città di Roma, Milano e Torino. Il capogruppo dem Pelonzi: "La sindaca Raggi ne disponga la rimozione e prenda le distanze da chi promuove messaggi equivoci e oscurantisti"

Due uomini, con un carrello davanti e all'interno un bambino in lacrime con un codice a barre sul petto. E' la nuova campagna di Generazione Famiglia e Pro Vita che da ieri è apparsa con manifesti in tutta Roma, Milano e Torino. Un messaggio choc che non è passato inosservato, tanto che da ieri si moltiplicano gli appelli per la rimozione. 

Sul sito dell'associazione Provita si legge: "La campagna è una risposta decisa a tutti quei giudici e sindaci (in particolare Virginia Raggi a Roma, Chiara Appendino a Torino, Beppe Sala a Milano e Luigi De Magistris a Napoli) che, violando la legge e il supremo interesse del bambino, hanno disposto la trascrizione o l’iscrizione di atti di nascita di bambini come “figli” di due madri o di due padri. A novembre toccherà alla Cassazione pronunciarsi proprio su una trascrizione avvenuta a Trento in favore di una coppia di uomini che aveva fatto ricorso all’utero in affitto in Canada".

Il capogruppo dem, Antongiulio Pelonzi: "I provocatori e offensivi manifesti dell'associazione Pro-vita violano il codice etico di Roma capitale e lanciano un messaggio chiaramente di stampo omofobo. Ancora una volta a Roma sono stati affissi manifesti che ledono i diritti delle persone e prendono di mira le famiglie arcobaleno. La sindaca Raggi ne disponga la rimozione e prenda le distanze da chi promuove messaggi equivoci e oscurantisti".

Monica Cirinnà affida a twitter la sua critica: "Ancora manifesti contro diritti delle persone. Lo sa Virginia Raggi che esiste il codice etico di RomaCapitale? Li faccia rimuovere subito e faccia una telefonata a Chiara Appendino per farsi spiegare cosa deve fare un sindaco contro le discriminazioni". 

Il riferimento di Cirinnà è al regolamento del Prip del 2014 che all'articolo 12 bis recita così: "E' vietata l’esposizione pubblicitaria il cui contenuto sia lesivo del rispetto delle libertà individuali, dei diritti civili e politici, del credo religioso, dell’appartenenza etnica, dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere, delle abilità fisiche e psichiche".

manifesto_provita_gregorioVII

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona arancione più vicina per Roma e il Lazio. D'Amato: "Curva in ascesa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento