Manifestazione No Discarica aI Fori Imperiali: i commenti della politica

La politica si esprime sulla presenza di Alemanno e Belviso tra i manifestanti che durante la Notte dei Fori hanno espresso la loro contrarietà alla possibile discarica di Falcognana. Fischi anche da parte di alcuni partecipanti al sit in

Erano tra i manifestanti che stanotte hanno 'rovinato la Notte Bianca a Marino'. A poche ore dalla fine dei momenti di tensione che hanno visto circa mille manifestanti dell 'no alla discarica a Falcognana' fare irruzione alla 'Notte dei Fori' prevista nella Capitale per dare il taglio del nastro alla pedonalizzazione dell'area archeologica più grande del mondo, il mondo della politica commenta la presenza politica tra gli stessi di Gianni Alemanno, Sveva Belviso e Andrea Augello. Ex sindaco e vice sindaco della precedente Giunta che durante la marcia di avvicinamento dalla Bocca della Verità al parco di via dei Fori Imperiali si sono portati nelle posizioni avanzate del corteo rilasciando dichiarazioni, con parte dei manifestanti che non hanno accettato di buon grado quanto stesse accadendo invitando i due ad allontanarsi.

COMMENTI - Presenza di rappresentanti del centrodestra romano che hanno trovato i commenti dell'altro schieramento della politica, a partire dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti che ha così affermato a caldo la presenza di Alemanno tra i 'No discarica': "Non mi sorprende Alemanno che fa il sabotatore. Non ha mai amato, né pensato a Roma, ma solo a se stesso. La città l'ha usata e continua oggi con questa aggressione contro la voglia dei romani di riappropriarsi della propria città. Una vicenda penosa". Più 'morbido' il sindaco Ignazio Marino che dal palco della 'Notte Bianca dei Fori' ha affermato: "Io non farò polemica politica ma apprendere che rappresentanti che provengono da una storia culturale che risale al fascismo come Alemanno o il senatore Augello, che hanno avuto percorsi di vita che si sono ispirati alla dittatura, oggi si comportano con uno stile che dimostra la loro diversità culturale". "Credo sia positivo - ha concluso - ed emblematico perché marca la differenza tra chi ama Roma e chi usa il verbo potere nel senso di 'poter fare' e chi usa la parola 'potere' come sostantivo".

PRESENZA STRUMENTALE - Un tentativo di strumentalizzare i manifestanti. Questo il punto dal quale altri esponenti politici del centrosinistra romano partono per commentare la presenza dell'ex sindaco e di altri esponenti del centrodestra dentro al corteo dei manifestanti: "Il Pdl romano - commenta senza mezzi termini il consigliere comunale Pd, Michela Di Biase - con in testa l’ex sindaco Gianni Alemanno, il suo vice Sveva Belviso e il senatore Andrea Augello hanno dimostrato ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, il loro poco amore per questa città. I cinque anni più brutti della storia della Capitale hanno avuto questa sera il loro triste epilogo proprio nel giorno in cui Roma stava faticosamente girando pagina. Politicamente poi è davvero sconcertante vedere persone sorridere al mattino proponendo referendum popolare ai cittadini e ritrovarle la sera a rovinare un progetto che tutto il mondo ci invidia con urla, slogan e comportamenti censurabili”. Pensiero simile a quello del collega Fabrizio Panecaldo: "E’ inqualificabile il tentativo del centro destra di strumentalizzare i cittadini romani. Gianni Alemanno - ha sottolineato il consigliere comunale del Pd - veste i panni del capo popolo e si appropria di una protesta, dopo cinque anni di governo e dopo un conclamato fallimento della gestione dei rifiuti nella nostra città. Da sindaco non ha fatto nulla per chiudere Malagrotta e ha peggiorato la situazione dell’AMA, tanto da ridurre Roma ad essere una fra le città con il minor tasso di raccolta differenziata in Italia. Ora professa il suo amore per la Capitale, ma non ingannerà nessuno. Il suo governo si è dimostrato contro Roma e contro i romani e anche da rappresentante dell’opposizione continua a voler trascinare questa città nel baratro”. Per il capogruppo Pd in Aula Giulio Cesare Francesco D'Ausilio: “Alemanno ancora una volta ha dimostrato di essere contro la città che ha avuto il privilegio di amministrare per cinque anni. Il peggior sindaco che la Capitale ricordi, dopo essersi dimenticato del problema dei rifiuti per tutta la sua legislatura, questa sera ha strumentalizzato la popolazione di un quadrante della città a fini politici. Per sua sfortuna i romani sono persone intelligenti e hanno bene chiaro da chi devono guardare. Alemanno che professa amore per Roma, in questi anni, l’ha utilizzata come se fosse una sua proprietà: chi ama Roma non si comporta in questo modo”.

INFANTILISMO - Più duro il parere del cspogruppo Sel al Comune di Roma Gianluca Peciola: “La serata di oggi passerà alla storia perché il sindaco Marino ha dato avvio ad un percorso di importanza locale e nazionale con il Parco Archeologico più grande del mondo e perché Alemanno con questa pessima azione di infantilismo politico ha dimostrato ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, che lui e i suoi alleati sono contro Roma. Alemanno verrà ricordato non solo perché è stato il peggior sindaco della Capitale ma soprattutto come l’uomo che ha detto solo no senza risolvere un solo problema della città. E’ un atto talmente estremo e scellerato che riporta alla strategia nazionale, in piccolo, Alemanno ripercorre le mosse del suo capo Silvio Berlusconi”. “Dopo cinque anni di inerzia e totale noncuranza, - ha infine commentanto Riccardo Magi, consigliere comunale della Lista Civica Marino - Gianni Alemanno si presenta in piazza per strumentalizzare una protesta. Durante il suo mandato da sindaco avrebbe avuto tutto il tempo per trovare una soluzione e chiudere la discarica di Malagrotta, invece si è dimostrato più interessato a distribuire posti di potere ad amici e conoscenti. Questa mossa indegna dimostra che Alemanno è contro Roma e contro i romani. Questo deprecabile tentativo di gettare benzina sul fuoco qualifica il centro destra come una forza politica ormai priva di argomenti che preferisce fomentare la rivolta piuttosto che discutere seriamente dei problemi di questa città”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento