Domenica, 19 Settembre 2021
Politica Piazza del Risorgimento

Movimento Sociale Europeo: la nuova destra in piazza per l'Europa

Polemiche a 24 ore dal corteo dei militanti che si terrà domani in piazza Risorgimento

La destra euroribelle domani scende in piazza a Roma e in città infuriano le polemiche. "Rinasce il Movimento Sociale, rivolto al futuro, anti-liberista, solidarista, comunitarista e autonomista. Cose troppo rivoluzionarie per chi ancora si porta dietro Donna Assunta come fosse un trofeo", questo in sintesi il manifesto del Movimento sotto il quale si raccolgono sigle italiane ed europee di una "nuova destra" che domani si incontrerà a piazza Risorgimento alle 16. "Euroribellione!", si legge sul loro sito, è inquadrata nell'evento internazionale "Europe, Russia, Solidarity" che, nella settimana dal 4 novembre (giornata dell'unità nazionale Russa) al 9 novembre (caduta del muro di Berlino), vedrà migliaia di europei scendere nelle piazze di Bruxelles, Madrid, Atene, Roma e Mosca "per la libertà della nostra Europa: mai più serva americana, mai più lontana della Russia". "Dopo sabato - aggiungono - ci saranno grandi novità. Chi tenta di marginalizzare la nostra azione politica ne rimarrà deluso. Per adesioni e contenuti siamo centrali e centrati nella lotta politica europea. Qualcuno pensi a proseguire la giusta battaglia altrimenti regali non ne facciamo e ne vedremo delle belle".

CORTEO ANTIFASCISTA - Corteo del MSE che vedrà in contrapposizione ideologica una mobilitazione antifascista in largo Giovanni XXIII: "Le forze democratiche e antifasciste della città dopo una estenuante trattativa con la stessa Questura, organizzeranno, a partire dalle ore 16, in concomitanza con lo svolgimento del corteo fascista, un presidio autorizzato a Castel Sant’Angelo, a Largo Giovanni XXIII, dinanzi a via della Conciliazione, per protestare contro la decisione di far sfilare i neofascisti e i  neonazisti in città”. Annuncia Giovanni Barbera, membro del comitato politico romano del Prc-Federazione della Sinistra e presidente del Consiglio del Municipio Roma XVII.

MEDAGLIA ORO RESISTENZA - Nettamente contrario anche il senatore Idv Stefano Pedica: "Roma non è la città dei nazifascisti. Comune, Provincia e Regione dicano una parola netta e chiara contro il raduno di domani nel quartiere Prati. "La Capitale - aggiunge - non può diventare il luogo di ritrovo dei neofascisti solo perché per anni il suo sindaco ha coccolato e protetto formazioni di estrema destra, come Casapound. Roma resta la città Medaglia d'Oro per la Resistenza e nessuno può applicarle il bollino di città fascista".

ADESIONE SANTORI - Corteo Euroribellione al quale aderirà il consigliere Pdl in XV Municipio Augusto Santori: "L’invito rivolto dal Movimento Sociale Europeo ad aderire a questa iniziativa parla di lotta per il diritto alla casa e al lavoro per gli europei, di un’Europa libera e sovrana, lontana dal cappio dei poteri forti e delle banche, che sappia riscoprire la sua identità e la sovranità delle sue genti. Sono parole che condivido da europeo convinto quale sono, che rilanciano un’idea di Europa unita che non sia solo euro ma che non sia neanche miope nazionalismo. Per Zingaretti ed altri benpensanti tacciare come fascista questa iniziativa è troppo comodo e credo che nasconda i timori che la forza delle identità dei popoli europei sia per l’ennesima volta qualcosa che sfugge alla concezione di una sinistra caviale e champagne. In tutto questo ipocrita ciarlare, oggi 9 novembre, in pochi ricordano la schiavitù di tanti popoli europei soggiogati dal comunismo e da un muro che finalmente cadeva”. “Non appartengo all’MSE, non mi dichiaro fascista, non accetto nessuna forma di violenza, non sono razzista né xenofobo – prosegue Santori – eppure sono convinto che questa mia adesione, tanto riflettuta in un momento grave quale quello attuale, mi porterà forse alla gogna mediatica. Questo solo perché sosterrò l’idea di un’altra Europa, perché non voglio tornare alla lira ma neanche essere succube della BCE, perché ritengo che l’Europa debba essere libera e sovrana, una forza necessaria anche per la pace nel mondo. Ma si sa i benpensanti scelgono sempre di pensare la cosa più facile, altrimenti non sarebbero tali”.

ROMA UMILIATA - Di ben altro avviso il segretario del Pd Roma Marco Miccoli che definisce 'raduno nazifascista' il corteo di domani: "Ancora una volta si vuole umiliare la Città medaglia d'oro della Resistenza con una inquietante marcetta organizzata dal Movimento Sociale Europeo e che vedrà la partecipazione dei peggiori gruppi estremisti di destra della Capitale. Siamo preoccupati per questa che - sottolinea - consideriamo una chiara provocazione nei confronti di Roma e della sua storia. Per questo, quale segretario del Pd Roma, sono a chiedere alle
Forze dell'Ordine ed al Prefetto di vigilare attentamente sullo svolgimento di una manifestazione che già si preannuncia problematica perché fomenta sentimenti di odio che a Roma avevamo dimenticato. Le istituzioni tutte - conclude Miccoli - non possono ignorare questi episodi che fanno solo male alla nostra Città
".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movimento Sociale Europeo: la nuova destra in piazza per l'Europa

RomaToday è in caricamento