"Salviamo il nostro Lago": Anguillara, Bracciano e Trevignano in piazza contro Acea

Sabato ad Anguillara la manifestazione promossa dal comitato Salviamo il nostro lago. Per l'occasione verrà lanciata la proposta di legge regionale di iniziativa popolare mirata alla costituzione di una Autorità di Bacino

Dai tavoli politici alla piazza. La preoccupazione per il costante abbassamento del lago di Bracciano sfocia in una protesta. Accadrà sabato prossimo ad Anguillara. Ad organizzarla il comitato 'Salviamo il nostro lago'.  Per l'occasione verrà lanciata la proposta di legge regionale di iniziativa popolare mirata alla costituzione di una Autorità di Bacino.

Verrà inoltre diffuso e illustrato il documento elaborato dal Comitato che, sulla base di dettagliati studi scientifici, si propone, tra le altre cose, di sollecitare in primo luogo provvedimenti urgenti per una sospensione dei prelievi Acea, di presentare un esposto-impugnativa al ministero dei Lavori pubblici avverso la convenzione-capestro che attribuisce alla Acea il potere di gestione dell'intero ciclo delle acque del territorio lacustre, di adire, quindi, l'Autorità nazionale delle acque per richiedere un suo autorevole intervento per restituire alle popolazioni sabatine i loro diritti di cittadinanza e la loro dignita' di autogoverno. 

LEGGI ANCHE - "Il lago di Bracciano sta sparendo, ma per Acea è un pozzo senza fondo" 

salviamolago-2Dopo l'incontro in Regione, anche Legambiente è tornata sulla vicenda, attaccando Acea. Da metà gennaio le sorgenti che portano acqua a Roma e comuni limitrofi, sono in pesante diminuzione per portata, a causa di un inverno particolarmente asciutto. Per mantenere acqua nelle tubature di Roma e dintorni, secondo un vecchio accordo tra Acea e Ministero dei Lavori Pubblici, il gestore idrico può capitare acqua del Lago di Bracciano tra 1.000 e 5.000 litri al secondo in momenti particolarmente critici; ciò sta portando a una riduzione fortissima del livello di acqua del bacino lacustre, il cui valore ecosistemico è messo a grave rischio. Legambiente denuncia però l'assurda contemporaneità di tali captazioni, con una disperazione idrica altissima negli acquedotti del Lazio: secondo i dati di Ecosiatema Urbano 2016 infatti, l'acqua che si perde nelle tubature è il 44,4% a Roma, il 53,8% Rieti, il 67,0% a Latina e addirittura il 75,4% Frosinone. In pratica oltre la metà dell'acqua sorgente che entra negli acquedotti si disperde prima di essere utilizzabile per scopi antropici. 

LEGGI ANCHE - Emergenza Lago di Bracciano, Acea si difende. Si punta alla realizzazione di una sala di controllo

"Mentre l'esistenza stessa del Lago di Bracciano è messa a dura prova dalle captazioni, è assurdo che non si stia facendo nulla per riparare acquedotti colabrodo che perdono più della metà dell'acqua sorgente immessa in rete - dichiara Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio" 

LEGGI ANCHE - Il lago di Bracciano continua ad abbassarsi, ora è emergenza. Il caso in Regione

"Stiamo assistendo", continua Scacchi, "ad una enorme captazione continua da oltre due mesi dell'acqua del Lago di Bracciano che causa un abbassamento senza precedenti del livello e ne mette a dura prova la biodiversità, il valore ecosistemico e le bellezze ambientali e paesaggistiche. Sembra però incredibile che mentre accade tutto ciò, continui la dispersione in rete di quantitativi allucinanti di acqua potabile a causa delle condutture vetuste, più della metà della risorsa idrica sorgiva entra nelle reti e sparisce negli acquedotti colabrodo. I gestori del servizio idrico non possono continuare a far finta di niente sfruttando la risorsa pubblica per eccellenza, in maniera così violenta".

LEGGI ANCHE - Emergenza lago di Bracciano, tutti contro Acea: "Riduca i prelievi d'acqua"

"Peraltro", conclude il presidente di Legambiente Lazio, "la siccità di questo inverno è causata dai mutamenti climatici scatenati dalle emissioni di gas serra, dovremo farci sempre più i conti ed è quindi prioritario e fondamentale adeguare le condutture idriche, insieme ad un cambio degli stili di vita per evitare gli sprechi eccessivi di acqua: si calcola per esempio che la mancanza del doppio flusso di scarico dei gabinetti nelle sole scuole romane, provochi un'allucinante spreco di oltre un miliardo di litri di acqua all'anno". 

LEGGI ANCHE - Lago di Bracciano, Acea non arretra: i prelievi continuano. Ora è allarme vero

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

Torna su
RomaToday è in caricamento