rotate-mobile
Politica Primavalle

Elezioni Roma Collegio Primavalle, il M5s si tira indietro: non candiderà nessuno

Il deputato eletto fra Trionfale e Gianicolense viene lasciato agli avversari: troppi i dubbi sulla riuscita della corsa pentastellata. Per il centrodestra c'è Pasquale Calzetta, per il PD Andrea Casu. Rimangono candidati Elisabetta Trenta e Luca Palamara.

Dopo molte riunioni e tensioni interne la notizia è che nel collegio di Primavalle, lasciato vacante dalla deputata Cinque Stelle Emanuela del Re che è divenuta incompatibile, non ci sarà un candidato pentastellato. Troppe perplessità riguardo la capacità di capitalizzare il consenso avrebbero spinto la gestione di Giuseppe Conte a lasciar andare la possibilità di correre sotto le insegne del proprio soggetto politico. Un esito che si afferma nonostante la contrarietà del Movimento Cinque Stelle romano che avrebbe invece volentieri gradito il tentare di bissare un proprio ex successo. 

Nel circondario che elegge un deputato e che comprende i territori Gianicolense, Aurelio, Pisana, Primavalle, Trionfale il Movimento Cinque Stelle nel 2018 la spuntò infatti per pochi voti contro il centrodestra, che schierava Pasquale Calzetta. L'ex presidente di municipio per Forza Italia è la scelta del centrodestra: proverà nel 2021 a riuscire dove nel 2018 aveva fallito. Funzionario del ministero, viene eletto con gli azzurri dal 2001 nelle elezioni amministrative di Roma Capitale ed è storico collaboratore del ministro Renato Brunetta. Per il Partito Democratico la scelta è caduta sul segretario romano Andrea Casu: 40enne, già responsabile esteri della Margherita, fondatore dei Giovani Democratici, più volte consigliere e assessore in amministrazioni capitoline, dal 2017 è alla guida dei democratici di Roma e ha impostato l'opposizione alla sindacatura di Virginia Raggi. 

Il nome che crea più problemi al Movimento Cinque Stelle è quello di Elisabetta Trenta: ne avevamo parlato su Roma Today. Già ministra della difesa pentastellata nei governi Conte, Trenta dopo un passato di attivista è uscita dal Movimento Cinque Stelle, ha aderito all'Italia dei Valori e corre da deputata nel collegio di Primavalle sotto le insegne del movimento NOI. Potrebbe ricevere molto sostegno da elettori Cinque Stelle, uno dei fattori che ha spinto la leadership di Giuseppe Conte a ritenere che fosse preferibile passare la mano. Nome di attrazione, invece, per il centrodestra è quello di Luca Palamara: l'ex componente del CSM e magistrato corre da deputato sotto le proprie bandiere. Si dichiara uomo di centro, ma nei suoi riguardi gli ammiccamenti vengono da ambienti di centrodestra: potrebbe rendere la vita difficile a Calzetta e, si legge su Repubblica, dalle parti del PD si registra un certo tifo "tattico" nei riguardi dell'ex pm. L'ultimo candidato è Giovanni Antonio Cocco, tesoriere del Partito Liberale Europeo e sostenuto da Rinascimento di Vittorio Sgarbi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Roma Collegio Primavalle, il M5s si tira indietro: non candiderà nessuno

RomaToday è in caricamento