Campidoglio, ancora un addio nell'era Raggi: il Ragioniere generale lascia l'incarico

Dopo Stefano Fermante, lascia anche il dott. Luigi Botteghi. Ufficialmente per motivi personali. Il Pd: "Si mormora di dissapori con l'assessore"

Immagine d'archivio

Il Ragionier generale Luigi Botteghi lascia l'incarico. Il 31 gennaio, alla scadenza del contratto di servizio, il dirigente ha deciso di lasciare il posto. Preso in prestito a maggio 2017 dall'amministrazione del comune di Rimini, torna all'ovile per ragioni, ufficialmente, personali. In realtà doveva lasciare già a novembre, ma ha accettato la richiesta del Campidoglio di prorogare fino a fine gennaio, data la delicata partita del bilancio da gestire sotto Natale. 

Il Campidoglio smentisce che ci siano stati attriti sulla questione dei conti di Ama e del bilancio in ritardo per il credito di 18 milioni di euro vantato dall'azienda dei rifiuti. Niente di tutto questo, a detta di palazzo Senatorio. E sono esclusi anche attriti con l'assessore al bilancio Gianni Lemmetti. Con il quale, dicono i ben informati, "andava assolutamente d'accordo". 

Ma le ragioni ufficiali non convicono l'opposizione di centrosinistra. "Un altro dirigente se ne va e abbandona la Giunta Raggi, ufficialmente per ragioni personali, ma si mormora di dissapori con assessore e direttore generale" dichiarano il capogruppo e il consigliere comunale Pd, Giulio Pelonzi e Marco Palumbo. "Stupisce che la Giunta Raggi non sia in grado di contenere le fughe nè di mantenere pacifico il clima interno alla maggioranza. E stupisce che a fare le valigie siano sempre i top manager scelti dalla sindaca".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La poltrona di uno dei ruoli apicali più importanti della macchina amministrativa capitolina dunque, rimane vuota. E' la seconda volta che accade. Già a settembre 2016 lasciava Stefano Fermante, stavolta in aperto dissidio con la giunta M5s. A breve partirà la ricerca del nuovo ragioniere, il terzo dell'era Raggi, tra i dirigenti interni o tra quelli di altre amministrazioni. Come già avvenuto nel caso di Botteghi. L'iter però non è breve, nel frattempo il ruolo è ricoperto dal vice vicario dott. Marcello Corselli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento