Politica Centro Storico

Alemanno: "Dal 2012 stop alle buche stradali"

Il sindaco di Roma, in visita ai numerosi cantieri stradali del centro storico aperti per la manutenzione stradale, ha annunciato che "quest'anno abbiamo dato una grossa 'botta', ma il grosso lo faremo l'anno prossimo"

Alemanno dichiara guerra alle buche stradali e lo fa con un ricco piano di interventi, alcuni dei quali hanno già preso il via, altri iniziaranno nei prossimi mesi per poi proseguire nel corso del 2012. "Quest'anno abbiamo dato una grossa 'botta', ma il grosso lo faremo l'anno prossimo. Con quest'anno saremo a un terzo del percorso; l'anno prossimo faremo i due terzi rimanenti: per la fine dell'anno prossimo pensiamo di poter risolvere l'emergenza delle buche", ha detto il sindaco di Roma al termine di una visita ad alcuni cantieri del centro storico. Quest'anno il Campidoglio per la manutenzione straordinaria dei fondi stradali ha stanziato circa 63 milioni di euro, su 170 cantieri, in particolare, nelle periferie, a cui si aggiungono una ventina speciali in centro. "Ma l'anno prossimo i fondi dovranno essere almeno di 200 milioni - ha annunciato Alemanno - compatibilmente con la manovra finanziaria e i patti di stabilità".

I LAVORI: Alemanno ha inoltre fatto una panoramica dei lavori che caratterizzeranno la coda del suo mandato: "Quelli che abbiamo visto oggi - ha proseguito - sono alla base di due degli obiettivi strategici del Piano di sviluppo che abbiamo presentato nei mesi scorsi. Il primo è la pedonalizzazione del Tridente. Il secondo è la riqualificazione dell'area archeologica centrale con la pedonalizzazione di una parte di via dei Cerchi. Inoltre - ha ribadito - in autunno si partirà con i lavori di restauro del Colosseo in vista del 2020 ed entro la fine dell'anno prossimo pensiamo di poter completare la nuvola di Fuksas, all'Eur, aprendolo a gennaio 2013. Bisogna andare sui progetti strategici - ha aggiunto il sindaco - coinvolgendo sempre più i capitali privati, così come è stato per il caso di Tod's. Tutto il lavoro che abbiamo svolto perciò, un lavoro in profondità - ha concluso Alemanno - si renderà visibile, atterrerà sulla città. Anche l'approvazione della delibera per la metro fino a Casal Monastero va in questa direzione".

A chi gli chiedeva se questi lavori potessero essere letti come una sfida al suo avversario nella competizione per il Campidoglio nel 2013, Alemanno ha risposto: "L'attività di un sindaco si misura su ciò che ha fatto. La nostra è stata una svolta profonda, che ora sta emergendo in tutta la sua evidenza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alemanno: "Dal 2012 stop alle buche stradali"

RomaToday è in caricamento