Pulizie nelle scuole, a Roma e nel Lazio in mille restano senza lavoro: "Licenziati dallo Stato"

Dopo l'internalizzazione di oltre 11mila addetti, in tutta Italia sono 4mila quelli rimasti fuori dal piano: "A Roma 1024 famiglie senza salario. Non siano invisibili"

la protesta dei lavoratori del 21 gennaio 2020

Per gli addetti alle pulizie nelle scuole è scattata l'internalizzazione. Ad essere assunti come personale Ata, ossia collaboratori scolastici, sono stati poco più di 11mila in tutta Italia: 4mila quelli rimasti fuori dalla "rivoluzione" e che dunque si ritrovano "senza lavoro nè salario".

Pulizie nelle scuole: restano fuori in 4mila, mille nel Lazio 

Sono lavoratori che il decreto del Ministero dell'Istruzione, a conclusione di un progetto avviato a dicembre 2018 sotto la spinta del M5s, non avevano i 10 anni di anzianità, i titoli di studio richiesti o l'assenza di carichi pendenti per essere assunti in pianta stabile dello Stato. A Roma e nel Lazio se ne contano oltre mille. Tutti fuori dalle scuole che hanno mantenuto per anni. 

Persone che nella gestione dei servizi scolastici "erano necessarie e sono necessarie" - ha sottolineato Cinzia Bernardini, della Filcams Cgil, spiegando come i posti lasciati liberi andranno a personale Ata inquadrato con supplenze "ottenendo che i lavoratori che prima avevano un posto a tempo indeterminato sostituiti da precari. Un paradosso - incalza la sindacalista - che grida vendetta". 

Protestano i lavoratori delle pulizie nelle scuole

Da qui la protesta. Le lavoratrici e i lavoratori delle pulizie nelle scuole di Roma e Lazio, oggi martedì 3 marzo, si ritroveranno sotto le finestre di Montecitorio per far sentire la propria voce, "per protestare contro una situazione inaccettabile" - tuonano Luca Battistini, della Filcams Cgil Roma Lazio, Sara Imperatori, della Fisascat Cisl di Roma Capitale e Rieti e la Uiltrasporti Roma e Lazio. 

A Roma e nel Lazio oltre mille "senza lavoro nè salario"

A Roma e nel Lazio 1024 nel dettaglio il numero di lavoratrici e lavoratori impegnati negli appalti di pulizia, ausiliarato e decoro delle scuole statali sul territorio che dal 1 marzo sono senza lavoro e senza reddito. "Oltre mille persone e famiglie che non possono, e non devono, restare invisibili”.

Alte amarezza e preoccupazione dei sindacati. "Non è credibile che le istituzioni continuino a restare sorde al richiamo di migliaia di persone, e che 4mila lavoratori sul territorio nazionale, di cui più di mille nel Lazio, siano ‘licenziati dallo Stato’.". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giovedì il nuovo tavolo al Ministero del Lavoro. "Continueremo a restare al loro fianco senza arretrare di un millimetro: come abbiamo dichiarato dall’inizio, nessuno deve restare indietro. Nessuno deve restare escluso. Nessuno deve restare senza diritti, tutele e lavoro. Non ci arrenderemo finchè la voce dei lavoratori non sarà ascoltata”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento