rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Politica Esquilino / Largo Corrado Ricci

Via libera alla riqualificazione di largo Corrado Ricci: restyling previsto entro il Giubileo

Rispolverato un progetto della giunta Marino. Si parte da quello per trasformare tutta l'area

Largo Corrado Ricci sarà trasformata in una piazza pedonale. Uno spazio che possa “far apprezzare, complessivamente e con una visione unitaria, lo scenario circostante di incomparabile valore artistico e storico”.

I lavori alla Torre dei Conti

Il Campidoglio ha dato via libera alla riqualificazione di Largo Corrado Ricci. Il proposito è antico, e risale addirittura all’amministrazione di Ignazio Marino. Rispetto alle intenzioni di qualche anno fa, l’area è stata interessata da alcuni cambiamenti. Ad esempio, cosa tutt’altro che secondaria, la sovrintendenza è al lavoro per “il recupero strutturale, il restauro, la messa in sicurezza e la salvaguardia della Torre dei Conti e della sua parte ipogea”. Si tratta dell’edificio medievale edificato sopra il tempio dalla Pace, nel tratto finale di via Cavour, verso via dei Fori Imperiali. L’intervento sulla Torre dei Conti è una delle 335 operazioni finanziate con i fondi PNRR destinati all'operazione “Caput Mundi”, nel caso specifico con uno stanziamento di 6,9 milioni di euro. Un’altra novità che ha interessato l’area di largo Corrado Ricci, è la rinuncia al “Tram dei Fori” e, quindi, al capolinea che era inizialmente previsto vi si dovesse attestare. 

La promiscuità tra pedoni e parcheggi

L’intenzione di rilanciare largo Corrado Ricci non è recente, ma il proposito di rispolverare quell'intenzione risale allo scorsa estate. A metà luglio infatti la commissione PNRR ha eseguito un sopralluogo nell’area della Torre ed in quell’occasione ha riscontrato che tutta la zona prospicente era, ed è tutt’ora, caratterizzata dalla sistemazione antecedente alla chiusura di via dei Fori Imperiali. Ci sono infatti le transenne, una pompa di benzina, parcheggi.  In sostanza, come si legge nella delibera che la commissione PNRR ha portato in assemblea capitolina, “l’area appare irrisolta nella sua configurazione” e questo fa sì che si presenti “priva di organizzazione e pericolosa per la promiscuità tra i tanti pedoni che attraversano e la compresenza di parcheggi e del traffico veicolare proveniente da via Cavour”.

Il progetto eredidato da Marino

Questa è la premessa da cui si parte per riqualificare tutta la zona compresa tra largo Corrado Ricci, via Tor dei Conti, via dei Fori Imperiali e via Cavour. Il progetto da cui partire, come espressamente indicato nella delibera, è quello del dipartimento mobilità. In sostanza prevede di creare uno degli ingressi pedonali privilegiati all’area dei Fori Imperiali. Quel progetto prevedeva di inserire degli arredi per riproporre, a livello superficiale, quello che è stato interrato alcuni metri più sotto. Tre elementi orizzontali verdi, in tal modo, verranno sistemati per riprodurre le tre vasche che caratterizzavano il sottostante tempio della Pace. Alberature e panchine serviranno a completare la pedonalizzazione dello spazio sapendo che, rispetto al progetto originario, occorre tenere in considerazione anche i lavori seguiti dalla sovrintendenza.

La trasformazione dell'area

“Con i fondi previsti dal PNRR per i progetti di Caput Mundi sarà restaurata la Torre dei Conti, l'importante torre di ventinove metri che affaccia sui Fori Imperiali e, a completamento di questo intervento di recupero, con questa delibera risistemiamo l'area circostante” ha spiegato il presidente della commissione PNRR Giovanni Caudo. “Definiamo così la qualità dello spazio pubblico circostante la Torre, valorizzando l'area e la piazza, liberando entrambe dal traffico e perfino da una pompa di benzina che, in piena area archeologica, ad oggi ha i suoi serbatoi interrati tra i resti del Tempio della Pace. Realizzeremo il progetto con il più alto coinvolgimento e partecipazione dei cittadini e con la fondamentale partecipazione del Municipio I” ha aggiunto l’ex assessore di Marino. La delibera, approvata in assemblea capitolina, prevede l’inserimento del restyling di Largo Corrado Ricci “nell’ambito degli interventi per il Giubileo”. Quindi da realizzare entro il 2025.

I commenti dell'opposizione

Il provvedimento, passato in Aula Giulio Cesare, non ha trovato la sponda dei consiglieri dell’opposizione. “. "Troviamo positivo il riordino dello slargo in una zona posta tra il Colosseo e l'inizio di Via dei Fori Imperiali, cioè nel cuore di un museo a cielo aperto – ha premesso il consigliere capitolino Francesco Carpano - Ma non c'è visione sul resto del Rione Monti, vittima del turismo di massa, di monopattini malgestiti, di rifiuti non raccolti per giorni, di negligenza sul decoro, di assenza di cestini. Per questo- ha aggiunto Carpano, in una nota firmata con i consiglieri di Azione del municipio I - ci siamo astenuti sulla proposta, per dare un segnale politico non ideologico, bensì legato alla concretezza e alla crudezza di questa inaccettabile ordinarietà”.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via libera alla riqualificazione di largo Corrado Ricci: restyling previsto entro il Giubileo

RomaToday è in caricamento