Domenica, 19 Settembre 2021
Politica

Lannutti (Idv): "Fermare truffa controlli caldaie"

"Il sospetto è che il nuovo gestore stia vessando con ingiusti balzelli chi ha rispettato la normativa"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

"La società incaricata dal Comune di Roma per i controlli sulle caldaie, Con.Te, eseguirebbe verifiche discutibili, al limite della truffa. Il Governo si attivi per porre fine a questi raggiri che
sfruttano la buona fede dei cittadini, adducendo immotivate irregolarità per trarre profitti".

Lo afferma, in una interrogazione ai Ministri dell'Interno e dello Sviluppo economico, il senatore Elio Lannutti, Capogruppo dell'Italia dei Valori in Commissione Finanze.

"Si tratta - aggiunge - del rilascio del tagliando che attesta l'efficienza energetica delle caldaie. Il Comune non sta vigilando sull'operato della società a cui ha affidato l'incarico di fare le verifiche e così il fenomeno delle 'ispezioni pazze' sulle caldaie si allarga a macchia d'olio in tutta la città. La gestione della Con.te ha generato una pioggia di critiche da parte dei cittadini: alla base
dei disagi, il fatto che la società fa pagare 90 euro per la verifica dei suoi tecnici se mancano all'appello i bollini precedenti. Anche se poi l'impresa che ha effettuato la manutenzione nel 2012 ha rilasciato uno dei tagliandi Acea, andati in pensione con l'arrivo di Con.Te., il cittadino dovrà versare comunque sul conto della società 90 euro.

Il sospetto è che il nuovo gestore stia vessando con ingiusti balzelli chi ha rispettato la normativa. E' necessario - conclude Lannutti - garantire ai cittadini un attento controllo sulle verifiche sulle caldaie, per evitare truffe ed assicurare il rispetto dell'ambiente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lannutti (Idv): "Fermare truffa controlli caldaie"

RomaToday è in caricamento