Istituto per sordi, lavoratori a rischio in presidio davanti al Miur

Domani, giovedì 27 aprile, i precari della struttura si incontreranno in largo Bernardino da Feltre. Nidil Cgil nazionale ha ottenuto un colloquio in cui ha sottoposto al ministero le tematiche dell'Issr

Rischiano il posto di lavoro perché dal Governo non arrivano più i fondi. Sono i 22 precari dell'Istituto Statale per Sordi di Roma, da settimane in protesta con un maxi striscione appeso fuori dalla struttura. Stavolta si ritroveranno davanti al ministero dell'Istruzione in un presidio organizzato da Nidil Cgil nazionale.

A seguito di alcune richieste d'incontro, il 15 marzo scorso, Nidil Cgil nazionale ha ottenuto un colloquio in cui ha sottoposto al ministero  tutte le tematiche dell'Issr, sottolineando l'urgenza di intervenire in una situazione in cui ci sono lavoratori da sempre privi delle garanzie offerte dai contratti di tipo subordinato e attualmente senza stipendio. Ma ancora non sono arrivate a risposte. 
 
LA STORIA DELLA STRUTTURA -
L'Istituto Statale Sordi di Roma (Issr), fondato nel 1784, è stata la prima scuola per sordi in Italia e una delle prime istituzioni pubbliche a occuparsi di disabilità. Nel 1997 la legge Bassanini (legge 59/1997) ha disposto che gli "istituti atipici", fra cui rientra anche l'Issr, debbano essere trasformati in "enti finalizzati al supporto dell'autonomia delle istituzioni scolastiche".

Nella stessa direzione il Provveditorato agli studi di Roma nel 2000, con decreto 46152/2000, ha distaccato le scuole dell'infanzia e primaria dall'Issr che, sotto la vigilanza del ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, ha assunto così "nella prassi" le funzioni di un centro di eccellenza sulla sordità, unico in tutto il territorio nazionale. 

LA DENUNCIA-APPELLO DEI LAVORATORI

Per realizzare appieno la trasformazione dell'Issr, tuttavia, è necessario un regolamento governativo di riordino che ne disciplini le funzioni e lo doti di una pianta organica. Tale assenza ha causato, negli ultimi 17 anni, che l'Issr - un Ente pubblico - sia stato costretto a stipulare contratti di collaborazione coordinata e continuativa avvalendosi solo di lavoratori precari, 21 persone di cui 8 sorde, e a sopravvivere senza finanziamenti da parte dello Stato. 

Oggi lo storico istituto di via Nomentana rischia di dover sospendere del tutto, entro breve, i servizi e le attività offerti gratuitamente alle persone sorde, alle loro famiglie e alla cittadinanza. Per questi motivi, Nidil Cgil nazionale ha deciso di indire un sit-in di protesta davanti al ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, per accendere i riflettori sulla condizione lavorativa del personale e per denunciare le gravissime difficoltà finanziarie della struttura. L'appuntamento è per domani, giovedì 27 aprile, dalle ore 9.30 alle 14, in largo Bernardino da Feltre (di fronte al Miur) si terrà, quindi, una protesta rumorosa per rompere il silenzio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
RomaToday è in caricamento