Regione, patto con i sindacati: "Irpef giù per il 70% dei contribuenti"

Zingaretti: "E' un memorandum importante perchè ci siamo dati un obiettivo semplice e molto comprensibile: più equità e più giustizia fiscale"

Riduzione dell'Irpef rimodulando gli scaglioni di imposizione e recuperando le risorse da spending review e lotta all'evasione. E' il memorandum di intesa firmato oggi dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e dai sindacati confederali, rappresentati da segretari generali di Cgil, Cisl e Uil di Roma e del Lazio, rispettivamente Claudio Di Berardino, Mario Bertone e Pierpaolo Bombardieri. 

Con il protocollo, presentato oggi nel corso di una conferenza stampa, torna il sereno tra amministrazione e forze sindacali, dopo le proteste dello scorso gennaio, quando i tre segretari consegnarono simbolicamente del carbone al governatore. A fine dicembre infatti, con l'approvazione in consiglio regionale del bilancio 2014, era previsto un aumento dell'aliquota dall'1,73% al 2,33%.

IL MEMORANDUM - Ecco cosa prevede l'intesa nel concreto: aumento della fascia di esenzione totale dalla maggiorazione dello 0,6% dell'aliquota regionale dell'Irpef ai cittadini con reddito fino a 28.000 euro (dai 15.000 attuali), passando così da 883.069 contribuenti a oltre 2 milioni (+1.174.893) pari al 70% della platea complessiva. Definizione delle coperture alternative per trovare i 400 milioni l'anno con cui non procedere all'ulteriore aumento dell'1% dell'Irpef previsto a partire dal 2015. 

Istituire un tavolo con i sindacati per verificare l'entità e la destinazione dell'extragettito sanitario dei prossimi anni in modo da dedicare eventuali risorse libere alla riduzione dei ticket e alla riduzione della pressione fiscale. Proporre entro il 15 settembre una rimodulazione complessiva degli attuali scaglioni dell''aliquota regionale Irpef per introdurre maggiore progressività e valutare ulteriori esenzioni rispetto a quelle introdotte nel 2014. Avviare un'azione straordinaria di recupero dall'evasione fiscale su tutte le voci di entrata di competenza della Regione Lazio. 

La maggiorazione dell'Irpef, è stato ricordato nel corso della conferenza stampa, è stata imposta a copertura del decreto 35, relativo al pagamento dei debiti della Pa con imprese ed enti locali, che ha consentito alla Regione di restituire fino a 8,3 miliardi di euro ai propri creditori riducendo il disavanzo dai 12 miliardi del 2012 ai 5,5 del 2014. 

IL PRESIDENTE ZINGARETTI - "E' un memorandum importante perchè ci siamo dati un obiettivo semplice e molto comprensibile: più equità e più giustizia fiscale. Oggi dimostriamo che è possibile risanare i bilanci senza aumentare le tasse ma intervenendo sulla trasparenza e sugli sprechi. Oggi apriamo una fase nuova, una rivoluzione all'insegna della giustizia e dell'equità". Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. 

"Questo sarà utilissimo perchè ci permetterà di continuare nel risanamento della Regione - ha spiegato Zingaretti- Abbiamo trovato una Regione in una situazione finanziaria folle con 12 miliardi di euro di debito commerciale e 10 miliardi di debito finanziario: abbiamo cominciato a pagare i debiti e ora, con l''apertura di questa fase per la rimodulazione fiscale all'insegna dell'equità e la battaglia contro l'evasione fiscale, ci diamo nuovi obiettivi". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Possiamo e vogliamo dimostrare che si può risanare senza aumentare le tasse ma, anzi, attraverso il buon governo presto possiamo cominciare a come, anche nel Lazio, cominciare una progressiva e lenta riduzione della pressione fiscale a cominciare dai ticket. Sono obiettivi strategici - ha concluso il governatore - che vanno perseguiti con molta attenzione, però nell'ambito di due o tre anni sono assolutamente alla nostra portata". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 135 nuovi casi: sono 195 in totale nel Lazio. I dati Asl del 23 settembre

  • Coronavirus Roma, presidente dell'ordine dei medici: "Nel Lazio situazione preoccupante"

  • Albero crolla su auto, il padre della ragazza nella vettura: "Criminali, oggi potevo essere al funerale di mia figlia"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento