rotate-mobile
Mercoledì, 27 Settembre 2023
Politica

Frenata su Pian dell'Olmo, Sottile: “Roma a un passo dall'emergenza”

Il prefetto frena l'ipotesi di Pian dell'Olmo e rilancia con il piano B per i rifiuti mentre prospetta l'emergenza: “Mandare i rifiuti all'estero e qui puntare sulla differenziata”

Sembrava tutto deciso e stabilito, ma ora a pochi giorni dall'individuazione di Pian dell'Olmo come sito idoneo per il post Malagrotta, nulla è di nuovo certo.
La giornata di ieri si è conclusa con i residenti in protesta a Pian dell'Olmo, i sindaci della Valle del Tevere ricevuti da Clini che non vede di buon occhio la scelta del neo commissario e con il prefetto Sottile che, dopo aver proposto il sito nel XX municipio, dichiarava che nulla è ancora deciso e che bisogna ancora fare delle verifiche su Pian dell'Olmo.
Fumata nera, dunque, che però, stavolta più di altre, determina scenari preoccupanti, primo tra tutti quello di un'emergenza ormai prossima, così come la vede il prefetto Sottile che, stamattina, dice: “E' una brutta vicenda. Una città grande come Roma che si trova ad un passo dal'emergenza è qualcosa che dispiace. Dobbiamo trovare modo di andare avanti".

Pian dell'Olmo: proteste contro la discarica - TmNews/Infophoto

Ma come andare avanti? Qui si incentra il bandolo della matassa che non sembra sbrogliarsi mai: sui rifiuti romani non sono poche le dinamiche, territoriali e politiche, che si intrecciano.
Il ministro dell'Ambiente Clini, che già si era posto come
“spada di Damocle” sulla scelta di Pecoraro per Corcolle, non guarda di buon grado neanche Pian dell'Olmo e, incontrando i sindaci della Valle del Tevere, ha riconfermato la sua posizione, tanto da far alleggerire le proteste e i blocchi dei residenti.
Anche Sottile però ha rivisto la sua posizione su Pian dell'Olmo, trasformandola da soluzione precescelta a sito possibile ma da verificare ed è qui che si inserisce, quasi a gamba tesa, il piano B sui rifiuti: mandarli all'estero, con buona pace dei consorzi interessati alla gestione del ciclo dei rifiuti e degli enti che vorrobbero tenerli e puntare alla differenziata, punto chiave portato avanti anche da Clini.

Pian dell'Olmo: i blocchi di protesta su via Tiberina

La proposta arriva per bocca di Sottile: “Io non escluderei che si possa fare ricorso anche al trasferimenti all'estero dei rifiuti. Ho parlato col vicesindaco di Napoli Sodano e mi ha riferito che da loro questa cosa sta andando bene". Parole che arrivano durante l'audizione in Commissione ambiente della Regione ma che non vedono d'accordo Polverini che si augura che “il metodo Campania” non sia esportato a Roma perché “Sarebbe una sconfitta per tutti.” Rifiuti all'estero e differenziata in aumento secondo Sottile: “Bisogna potenziare la raccolta differenziata nella capitale. Il presidente della Provincia Nicola Zingaretti mi ha fatto vedere i risultati significativi nel territorio provinciale dove è stata già attivata. Speriamo di veder realizzato questo processo virtuoso anche nella città di Roma.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frenata su Pian dell'Olmo, Sottile: “Roma a un passo dall'emergenza”

RomaToday è in caricamento