Politica

Una via ad Almirante? Per Alemanno dev'essere motivo di "unità, non di odio"

Il sindaco torna a parlare dell'intitolazione di una via di Roma a Giorgio Almirante. E avverte che occorre capèire il "reale significato del percorso storico-politico" del segretario del Msi

Dopo l'esortazione da parte dell'associazione nazionale dei partigiani di non intitolare una via di Roma a Giorgio Almirante, segretario del Msi, il sindaco Gianni Alemanno torna sulla questione. Il Primo cittadino ribadisce la volontà di voler dedicare una strada della Capitale ad Almirante e avverte che "il compito del sindaco di Roma dev'essere quello di rappresentare tutti i romani e di fare scelte che uniscano e che non lacerino la città sui valori fondamentali. Per questo procederemo negli adempimenti politici e burocratici necessari ad intitolare la strada ad Almirante solo quando l'approfondimento storico, che dobbiamo promuovere anche nella nostra Commissione Toponomastica, e il dibattito civile e culturale permetteranno a tutti di comprendere il reale significato del percorso storico-politico di Giorgio Almirante".

LA FIGURA DI ALMIRANTE - Il sindaco ricorda poi l'azione politica del segretario del Msi. "Giorgio Almirante fu un grande italiano - aggiunge Alemanno -. E' colui che ha percorso un lungo tratto di strada per portare la destra italiana verso la democrazia. La sua attività di parlamentare e di leader di partito è sempre stata rispettata trasversalmente da tutte le forze politiche. Le accuse contro di lui, compresa quella di ricostituzione del Partito Fascista, furono archiviate dalla magistratura e Giorgio Almirante ha concluso la sua esistenza senza nessuna imputazione che pendesse sul suo capo. Quando Enrico Berlinguer morì, Giorgio Almirante si recò a rendergli omaggio - aggiunge - gesto che fu ricambiato dal dirigente del Pci e comandante partigiano, Giancarlo Pajetta, nella camera ardente allestita nella sede del Movimento Sociale".

L'IMPEGNO POLITICO - Alemanno ricorda come sia stato profondo l'impegno di Almirante per il Paese, nonostante il difficile momento storico nel quale abbia vissuto, come quello degli Anni di piombo. "Almirante, pur provenendo dalla stagione drammatica della guerra civile in Italia e operando nel difficile periodo degli anni di piombo, è stato un personaggio che ha dedicato la sua attività politica principalmente alla pacificazione tra gli italiani e che ha sempre lottato, da leader del Msi, contro l'antisemitismo, il razzismo, la violenza e il terrorismo. Non a caso, questa attività è stata celebrata dalla Camera dei Deputati, nel 2008, in un convegno sulla vita e l'attività politico-parlamentare di Almirante, promosso dal presidente della Camera Fini, e al quale parteciparono, fra gli altri, l'ex presidente di Montecitorio Violante, il senatore Andreotti ed esponenti politici di ogni colore". Sono tutti questi motivi, spiega Alemanno, "che spingono da sempre la mia parte politica a chiedere l'intitolazione di una strada ad Almirante nella città di Roma. E sono motivi che non possono essere demonizzati né offesi da nessuno. Questa via dev'essere motivo di unità e non di odio, strumento per evitare di ripercorrere le strade della contrapposizione ideologica e dell'odio di parte. Sono convinto che anche Giorgio Almirante, proprio per il suo messaggio di pacificazione tra tutti gli italiani, condividerebbe questo mio atteggiamento, che cercherò di spiegare a Donna Assunta Almirante non appena potrò parlarle di persona".

LE REAZIONI - Immediate arrivano le reazioni da parte del mondo politico. In prima linea, quella di Francesco Storace, segretario nazionale de La Destra, secondo cui "Alemanno ecumenico ci mancava. Adesso per una strada ad Almirante serve l'ok di chi lo accusa dei peggiori crimini. Ma di che vogliamo parlare di fronte a tanta codardia". Più ottimista si mostra Maurizio Gasparri, capogruppo Pdl al Senato, che dalla sua pagina Facebook fa sapere: "Non mi sono mai appassionato alle dispute toponomastiche, ma una via di Roma dedicata ad Almirante sarebbe un onore per la città". (Fonte Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una via ad Almirante? Per Alemanno dev'essere motivo di "unità, non di odio"

RomaToday è in caricamento