rotate-mobile

VIDEO | Pratelli: "Tra il 2022 e il 2023 assumeremo 600 nuove educatrici"

Ad un anno dall'insediamento, RomaToday intervista l'assessora a scuola, formazione e lavoro Claudia Pratelli: "Stiamo implementando il personale degli insegnanti di sostegno"

Prima tre anni da assessora a Montesacro sotto la guida di Giovanni Caudo, poi la chiamata da Roberto Gualtieri: Claudia Pratelli a novembre 2021 ha ricevuto le deleghe a scuola, formazione e lavoro e negli ultimi dodici mesi ha dovuto confrontarsi con una dimensione più ampia e complessa. 

A RomaToday, Pratelli ha fornito alcuni numeri e presentato novità che tratteggiano la visione dell'amministrazione non solo per quanto riguarda la scuola (qui l'intervista completa) ma anche il lavoro. Dalla stabilizzazione delle maestre precarie all'incremento degli insegnanti di sostegno per studenti disabili fino allo sviluppo di buone pratiche per la formazione di chi è in cerca di un'occupazione.

(riprese e montaggio di Veronica Altimari)

Assessora, cosa ha fatto il Comune per potenziare il personale educativo nei nidi e nelle scuole d'infanzia, riducendo la precarietà delle lavoratrici e dei lavoratori?

"Nell’ultima riunione di giunta è stata approvata una modifica del piano assunzionale: a brevissimo entreranno in servizio 600 tra educatrici ed educatori nei nidi e maestre e maestri delle scuole d’infanzia, 200 entro la fine del 2022 e le restanti nel 2023. Poi ci sarà la revisione della graduatoria per i  nidi, che viene da lontano e che è stata contestata e ha visto diversi ricorsi rispetto ai punteggi assegnati erroneamente. Nel giro di poche settimane ci saranno novità".

I sindacati recentemente hanno puntato il dito contro la gestione degli insegnanti di sostegno. Cosa vuole dire a riguardo?

"Appena arrivati ci siamo resi conto che sugli insegnanti di sostegno dovevamo intervenire per l’implementazione. Abbiamo siglato un accordo sindacale a fine luglio ed è in via di implementazione. In queste settimane ci saranno le assegnazioni di ulteriore personale nella scuola dell’infanzia rispetto a quelle già fatte a settembre. A quel punto potremo verificare se l’assetto costruito adesso funziona, è sufficiente e adeguato".

Un aspetto dove forse va fatto ancora tanto è quello del lavoro e della formazione.

"Stiamo investendo nei centri di formazione professionale e vogliamo mettere in connessione i centri di orientamento al lavoro con i centri per l'impiego regionali, perché si uniscano le competenze e si renda più facile la vita di chi cerca un'occupazione. Per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro, abbiamo deciso di definire il vincolo dell'applicazione del contratto collettivo nazionale dell'edilizia per i nostri affidamenti e abbiamo siglato un protocollo con prefettura e Regione per la sicurezza nei cantieri". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

VIDEO | Pratelli: "Tra il 2022 e il 2023 assumeremo 600 nuove educatrici"

RomaToday è in caricamento