Mafia Capitale, Meloni: "Sciogliere l'Aula. Candidarmi? Se me le chiedono i cittadini"

La presidente di Fdi-An commenta l'inchiesta nella quale è indagato anche l'ex sindaco Alemanno, nel suo partito: "Le responsabilità penali le accerterà la magistratura, quelle politiche sono evidenti"

Si auspica le dimissioni in massa dei consiglieri in Aula Giulio Cesare per sciogliere così L'Assemblea capitolina e andare a nuove elezioni. È questa la ricetta affidata in un'intervista alle pagine del quotidiano La Repubblica da Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, il partito dell'ex sindaco Gianni Alemanno, indagato nell'inchiesta su mafia e appalti nella Capitale. Ogni volta che si parla di elezioni il suo nome viene tirato in ballo per l'emisfero di destra. Questa volta ci sarebbe anche il benestare del leader della Lega Nord, Matteo Salvini. “E' prematuro parlare di una mia candidatura” ha detto. Ma le porte non sono chiuse: “Accetterei la sfida solo se me lo chiedono i romani” ha spiegato riferendosi al meccanismo delle primarie. E proprio domenica mattina Meloni sarà a Roma, al Teatro Quirino, per un evento dal titolo 'L'Italia soprattutto'.

ALEMANNO - "Le eventuali responsabilità penali di Gianni Alemanno le accerterà la magistratura, quelle politiche, purtroppo, sono evidenti”.  E in un altro passaggio spiega: “Dal punto di vista politico bisogna ammettere che in cinque anni non è riuscito a infrangere quel sistema di potere che si era consolidato sotto le amministrazioni precedenti”.  A puntare il dito solo contro il mondo di destra però Giorgia Meloni non ci sta. “Il marcio, lo schifo emerso da questa vicenda è trasversale". Poi rivendica un merito: “Siamo stati gli unici a denunciare la speculazione sul business degli immigrati. Interrogazioni, marce, proteste. Ancora a luglio chiedevamo al ministro Alfano e al sindaco Marino perché Roma dovesse ospitare 2.500 profughi contro i 104 di Milano o i 65 di Firenze".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SCIOGLIERE IL CONSIGLIO COMUNALE In quanto al futuro per Meloni è necessario 'resettare' tutto. “Ho già chiesto al nostro unico consigliere (Fabrizio Ghera, ndr) di avviare una raccolta di firme per le dimissioni in massa e lo scioglimento. È l'unica via percorribile”. Poi aggiunge: “Marino si faccia da parte non è più tempo per lui”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento