Politica

Dalle assunzioni alla gestione degli immobili: "Zingaretti, che succede in Cotral?"

In tre distinte interrogazioni Fabrizio Santori (la Destra), chiede di far chiarezza su alcune questioni che gravano sulle casse dell'azienda

Dopo la ricapitalizzazione di sabato e la polemica sulle quattordicesime non pagate, ancora fari accesi su Cotral e la gestione da parte della Regione. E' il consigliere de La Destra, Fabrizio Santori, a mettere sul tavolo importanti interrogativi di cui si chiede conto direttamente al presidente Zingaretti. Tre interrogazioni con cui si vuole vedere chiaro "su diverse questioni che oggi gravano sulle casse dell’azienda, impedendone di fatto una gestione equilibrata e un rilancio del trasporto in tutto il territorio laziale che è ritenuto, dalla maggioranza degli utenti, inefficiente e in alcuni casi addirittura inutile", attacca Santori.

GLI IMMOBILI - Tre le questioni poste da Santori. Innanzitutto la gestione degli immobili  come ad esempio la sede occupata di Via dei Radiotelegrafisti. La struttura risulta occupata nonostante la presenza di vigilanza. Santori chiede di "porre in essere tutte le misure ed i provvedimenti idonei a definire la vicenda presente nell’edificio di via dei Radiotelegrafisti, sollecitando e favorendo la concertazione di tutte le Istituzioni e le Autorità interessate". Sempre sulla gestione del patrimonio, il consigliere de La Destra chiede anche di sapere perchè è stata scelta come sede quella di via Bernardino Alimena, per la quale la società paga un affitto ingente e che, "sin dal 2008", attacca ancora Santori, "si sapeva essere non idonea ad ospitare tutti i dipendenti di Cotral".

fabrizio-santori_2_original-2ASSUNZIONI - Una seconda interrogazione riguarda poi le assunzioni di 140 autisti, effettuate da Cotral nel 2008. "Da notizie di stampa", spiega Santori, "emerge che sarebbero in corso nuove indagini della magistratura in merito a delle presunte irregolarità nella gestione delle procedure di assunzione presso Cotral". Le stesse fonti parlano di "un esposto dal quale emergerebbe che parte del personale Cotral S.p.A. risulterebbe impiegato negli uffici amministrativi lasciando scoperto l’organico tra le categorie degli operai e dei meccanici. I numerosi utenti delle linee gestite da Cotral S.p.A. lamentano copiose inefficienze del servizio". Considerate tutte queste denunce, Santori chiede di conoscere "le effettive mansioni svolte dal personale dipendente di Cotral S.p.A. assunto con la qualifica di autista, nonché accertare con quali turni vengano impiegate tali risorse".

EVASIONE TARIFFARIA - Infine l'evasione tariffaria. Il consigliere de La Destra parte da due dati: uno è che l'evasione degli utenti Cotral "avrebbe raggiunto livelli superiori al 50 per cento"; l'altro che "nel corso degli ultimi anni risulterebbero essere stati dimezzati i servizi dei verificatori incaricati di controllare il possesso dei titoli di viaggio da parte dell’utenza". Santori chiede di conoscere quale sia "il numero dei controllori in servizio, il numero delle verifiche da loro effettuate e le modalità con cui l'azienda recupera i soldi delle sanzioni comminate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalle assunzioni alla gestione degli immobili: "Zingaretti, che succede in Cotral?"
RomaToday è in caricamento