rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Politica

Regione, assunzione di 22 dirigenti esterni: M5S presenta un'interrogazione

Il costo per l'ente per ognuno è di 200 mila euro all'anno per uno stipendio percepito di 120 mila. M5S: "Perché non qualificare gli interni?"

Conoscere quali sono i motivi dell'assunzione di 22 dirigenti esterni di seconda fascia tra luglio e agosto 2013. Il gruppo consiliare del Movimento Cinque Stelle della Regione Lazio ha presentato un'interrogazione urgente a risposta scritta indirizzata al presidente regionale Nicola Zingaretti e all'assessore al Bilancio Alessandra Sartore.

"La struttura amministrativa regionale prevede 174 aree con una dotazione di 174 dirigenti, la legge sancisce che si possa (ma non che si debba) affidare incarichi esterni nel limite massimo dell’8%” si legge in un comunicato. Il totale dovrebbe quindi essere di 14 persone.

Per ogni dirigente “una retribuzione annua di circa 120.000 euro” con un costo totale sull'ente pubblico “di circa 200.000 euro ciascuno”. In totale, 20 milioni di euro in 5 anni di legislatura “a cui andranno sommati i 7 milioni dovuti alle assunzioni di dirigenti esterni di prima fascia, come già denunciato nell'esposto alla Corte dei Conti presentato dal M5S Lazio”.

Da qui il commento del Movimento Cinque Stelle di fronte a questa scelta. “In un momento di crisi in cui l’amministrazione regionale taglia servizi essenziali per i cittadini sarebbe stato auspicabile che non si facesse ricorso a nessuna assunzione esterna, valorizzando invece le qualificatissime, spesso sotto utilizzate, risorse interne”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione, assunzione di 22 dirigenti esterni: M5S presenta un'interrogazione

RomaToday è in caricamento