Tor Sapienza, Marino incontra i comitati: "Stop roghi tossici, controlli su occupazioni abusive"

Cittadini a confronto con l'amministrazione in Campidoglio. Il sindaco prende impegni concreti: "Abbiamo stabilito di darci appuntamento tra qualche giorno per verificare che questo percorso sia seguito"

C'era grande attesa per l'incontro tra i comitati di Tor Sapienza e il sindaco Marino. Dopo le rivolte di una settimana fa e il caso periferie viale Morandi esploso in tutta la sua forza, i cittadini sono saliti in Campidoglio per portare le loro richieste: via i rom, stop ai roghi e alla prostituzione e controllo delle occupazioni abusive nei palazzoni di viale Morandi. Le rivendicazioni sono finite sul tavolo del sindaco. Un incontro convocato di prima mattina. Da un lato l'amministrazione comunale, con il sindaco, il suo vice Nieri, l'assessore Masini e il presidente del V municipio Giammarco Palmieri. Dall'altro i cittadini, in questi giorni diventati più o meno tutti degli habituè di giornali e talk show.

Un'ora e mezzo di incontro al termine del quale il sindaco ha preso pubblicamente degli impegni. "Rispetto alla proposta iniziale dei comitati relativi alla chiusura della casa di accoglienza 'Un sorriso' valuteremo la possibilità di accogliere in quella struttura solo donne e bambini. Valuteremo poi se esistono occupazioni abusive negli edifici vicino a via Morandi e se la chiesa di San Cirillo sia abitata legalmente o abusivamente. Interverremo anche nel modo più rigoroso possibile per liberare le strade dalla prostituzione".

"Abbiamo anche deciso- ha aggiunto Marino- un intervento deciso della Polizia municipale per impedire che nel campo rom di via Salviati continuino a bruciare materiale creando un danno all'ambiente. Inoltre abbiamo stabilito di darci appuntamento tra qualche giorno per verificare che questo percorso sia seguito. È stato un incontro costruttivo, con la volontà da parte di tutti di non irrigidirsi. Abbiamo raggiunto una serie di decisioni da porta avanti insieme nei prossimi giorni".

Moderata soddisfazione da parte dei cittadini. "Ci auguriamo che il sindaco mantenga quello che ha detto. La nostra protesta è civile, ne' di destra ne' di sinistra. E proseguirà in modo spontaneo", commento Elvio all'agenzia Dire. Ai comitati però sembrano non bastare le promesse sui roghi. Il campo di via Salviati loro lo vogliono chiuso. Lo ribadisce Marcello: "La piazza e la gente non ne puo' più, il campo Rom non lo vuole più nessuno". "In questo accordo- ha detto Franco- su qualcosa ci accontentiamo noi e su altro si dovranno adeguare loro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Miss Roma 2020: in 15 per l'ambita corona. Domenica la premiazione a Frascati

  • Ai funerali Willy arriva 'Er Brasile', Minnocci respinto all'ingresso: "Trattato come bandito, ma volevo solo portare fiori"

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento