Giovedì, 18 Luglio 2024
Politica

Gualtieri incontra l'amico Lula: "Il Brasile valuterà candidatura di Roma a Expo 2030"

Il presidente in visita in Italia, è stato accolto anche da Papa Francesco, Sergio Mattarella, Giorgia Meloni e la segretaria del Pd Elly Schlein

Dopo aver incontrato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la presidente del Consiglio Giorgia Meloni e Papa Francesco, Luiz Inacio da Silva Lula è stato accolto anche in Campidoglio da Roberto Gualtieri. Il Capo di Stato brasiliano è considerato un amico dal primo cittadino romano, che ricevette un "endorsement" da parte di Lula nel 2021 durante le amministrative. 

Gualtieri incontra Lula e si parla di Expo

L'incontro a Palazzo Senatorio è servito non solo per rafforzare il rapporto stretto tra Roma e il Brasile, ma anche per parlare di Expo 2030. "Ne abbiamo parlato - ha detto Gualtieri - e il Brasile considererà la nostra candidatura con attenzione. Lula ama Roma e l'Italia". Il brasiliano, che alle recenti elezioni presidenziali ha sconfitto l'uscente Bolsonaro riportando la sinistra al potere nel grande Paese sudamericano, non si è dunque sbilanciato. Ma Gualtieri spera.

"Il presidente emozionato dai Fori"

"Mi ha chiesto tante cose - prosegue ancora il Sindaco - quali sono le sfide, qual è la cosa più difficile del mio ruolo di sindaco. Gli ho parlato delle caratteristiche di Roma, della bellezza straordinaria della città, è rimasto emozionato dalla vista dei Fori Imperiali dal balcone e ha ammirato l'aula Giulio Cesare. Abbiamo parlato di politica, anche economica, monetaria e dei tassi di interesse , ancora molto alti in Brasile, dei primi risultati importanti che il Brasile sta raggiungendo, e della guerra in Ucraina".

La gratitudine di Lula

Lula ha ricordato la solidarietà espressa da Gualtieri quando è stato arrestato "non potevo venire in Italia senza venire a trovarlo - ha detto - esprimo profonda gratitudine a Gualtieri per la solidarietà e venendomi a trovare in un momento difficile. Gualtieri chiese solidarietà per me a tante personalità della politica durante i  processi che si sono svolti a mio carico". Lula era stato condannato nel 2018 a 12 anni di carcere per corruzione, ma tre anni dopo le sentenze sono state annullate e il già presidente del Brasile ha potuto correre contro Bolsonaro, presidente di estrema destra uscente, battendolo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gualtieri incontra l'amico Lula: "Il Brasile valuterà candidatura di Roma a Expo 2030"
RomaToday è in caricamento