Politica Ponte dell'industria

Incendio al ponte di Ferro, è polemica: il M5s grida al complotto, Meloni se la prende con Raggi

A meno di 48 ore dal rogo che ha parzialmente distrutto il ponte di ferro è scontro politico: lite tra Cinque Stelle e Meloni

Per il M5s se non un complotto almeno una strana coincidenza proprio “oggi quando a Roma si vota per la riconferma di Virginia Raggi a Sindaca della Capitale”, scrive l’assessore Pietro Calabrese; per la leader di FdI, Giorgia Meloni, una conseguenza del degrado che affligge la città “grazie alla giunta Raggi”. A nemmeno quarantotto ore dall’incendio che ha parzialmente distrutto il Ponte dell’Industria esplode la polemica politica. Il silenzio elettorale violato sui social. 

Incendio al Ponte dell’Industria: il M5s grida al complotto

Il rogo al ‘ponte di ferro’ nella notte prima dell’apertura delle urne per le comunali. “Accade oggi, quando a Roma si vota per la riconferma di Virginia Raggi a Sindaca della Capitale, dopo un quinquennio con incendi di tutti i tipi, mentre veniva ripristinata la legalità e risanate le casse coi soldi di ogni romana e romano, senza fare sconti a nessuno. Lo abbiamo dimostrato in questa consiliatura con una determinazione e coraggio mai visti prima, senza mai arretrare nemmeno di un millimetro. E continueremo a farlo anche per i prossimi 5 anni” - il commento a caldo dell’assessore alla Città in Movimento, Pietro Calabrese, che sembra dunque adombrare la teoria del complotto. L’ennesimo nell’era della Sindaca: da quello sui frigoriferi abbandonati ai quello dei rifiuti e Roma lercia

Rogo al ponte di ferro, Meloni se la prende con Raggi

Ne fa invece una questione di cattiva amministrazione Giorgia Meloni, main sponsor della candidatura di Enrico Michetti a sindaco di Roma. “Sarà la magistratura a fare piena chiarezza, ma sembrerebbe che l’incendio, che ha poi coinvolto una condotta di gas, sia scoppiato in un accampamento abusivo, stile baraccopoli, sulle sponde del Tevere, proprio sotto il ponte. Una Nazione allo sbando dove regna l’illegalità grazie al ministro dell’Interno Lamorgese. Una città - ha scritto Meloni su Facebook - nel pieno degrado grazie alla giunta Raggi. Il risultato è la Capitale d’Italia che crolla. In tutti i sensi”.

Ponte dell’Industria parzialmente distrutto: lite tra Meloni e Conte

Alla leader di FdI ha replicato l’ex premier oggi a capo del M5s, Giuseppe Conte: "Cara Giorgia, anche oggi hai continuato a fare propaganda durante il silenzio elettorale attaccando Virginia Raggi per l’incendio che ha devastato il ponte di Ferro. Sono in corso sopralluoghi e indagini per stabilire le cause del rogo. Ne sapremo di più, immagino, quando ormai i cittadini romani avranno votato. Ti pongo però una domanda: non pensi sia strumentale portare gratuiti attacchi in questo particolare momento? Perché - ha detto Conte - non hai speso una parola sui vari incendi che ci sono stati in questi ultimi anni di bus e cassonetti e sui boicottaggi contro l’amministrazione uscente di Roma che ha fatto della lotta contro l’illegalità una priorità assoluta?"

Intanto, con il Ponte dell’Industria danneggiato e chiuso al transito veicolare e pedonale, i quartieri di Marconi e Ostiense restano senza collegamento diretto: i cittadini costretti a intraprendere percorsi alternativi. Sarà così presumibilmente ancora per mesi. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio al ponte di Ferro, è polemica: il M5s grida al complotto, Meloni se la prende con Raggi

RomaToday è in caricamento