Palestre scolastiche, è caos nel municipio commissariato dalla Raggi: “Dal Campidoglio indicazioni contraddittorie”

Prima con una delibera il Campidoglio chiede al Municipio XI di fare i bandi per l’affidamento delle palestre scolastiche. Poi ci ripensa. Celli: “Intanto dal 27 aprile quel bando è online”

La gestione degli impianti sportivi municipali resta complicata. Si tratta principalmente di palestre scolastiche date in affido ad associazioni  sportive dilettantistiche. Queste realtà, con le limitazioni imposte per contrastare il nuovo Coronavirus, ora versano in grandi difficoltà economiche. 

Le richieste dei concessionari

Per evitare il tracollo finanziario, le associazioni sportive dilettantistiche, dall’inizio dell’emergenza Covid, hanno chiesto al Campidoglio di azzerare i canoni di locazione e di prorogare le concessioni. Sul primo aspetto l’amministrazione capitolina ha avviato una riflessione perché, farlo, significa rinunciare ad entrate sicure. Per ora i pagamenti sono stati sospesi ma la commissione Sport è al lavoro per esaudire quella richiesta. La seconda questione riguarda le proroghe delle concessioni. L’amministrazione cittadina si è decisa nel concederle. Ma lo ha fatto troppo tardi.

La prima indicazione del Campidoglio

“Il 2 aprile, con una delibera di Giunta, la Sindaca ha dato mandato agli uffici del Municipio XI, di emanare un avviso pubblico per l’affidamento in gestione degli impianti sportivi” ha ricordato la consigliera capitolina Svetlana Celli. Il Municipio in questione, dall’aprile del 2019, si trova senza guida politica. Il presidente Torelli, che lo governava, è stato sfiduciato e da allora l’ente è stato commissariato dalla Sindaca Raggi. 

Un ripensamento tardivo

Nel rispetto della richiesta arrivata dalla Giunta Capitolina, il Municipio XI ha emanato il bando per le palestre scolastiche. Solo che il Campidoglio, qualche giorno più tardi, ha cambiato idea. Il 6 aprile è stata infatti presentata una proposta di delibera dal presidente della Commissione Sport. Con quell'atto con cui si accoglie la richiesta di prorogare di un anno le concessioni in scadenza. “Però per diventare effettiva, quella delibera deve passare al vaglio dei municipi, che hanno 30 giorni per valutarla, e poi in Assemblea Capitolina. Nel frattempo però il bando è stato pubblicato e dal 27 aprile è online” ha obiettato la consigliera Celli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'assenza di comunicazione

In sostanza c’è stato una sorta di corto circuito all’interno dell’amministrazione. “La cosa incredibile è che il 15 aprile io ho presentato un mozione che è stata votata all’unanimità e che chiedeva anche di prorogare le concessioni di un anno. Sono stati tutti d’accordo nel votarla. A questo punto mi chiedo, ma l’assessore allo Sport di Roma Capitale, non poteva informare il Municipio commissariato dalla Sindaca, che le intenzioni del Campidoglio erano mutate?”. Il tempo per farlo c’era e si sarebbe evitato di pubblicare un bando che, con molta probabilità, dovrà essere ritirato. Però nel frattempo qualche concessionario potrebbe aver già presentato un’offerta. La situazione è ingarbugliata. Proverà a districare al matassa  la commissione Trasparenza di Roma Capitale che, sulla questione, ha convocato un'apposita seduta.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento