Impianti Malagrotta, accordo Ama-Colari: il prefetto De Sena nominato fiduciario

Trovata la 'soluzione' per la gestione delle strutture raggiunte da interdittiva antimafia in seguito all'apertura dell'inchiesta sul sistema rifiuti nel Lazio

Luigi De Sena, immagine di repertorio (Infophoto)

Trovato l'accordo tra l'Ama e il Colari di Manlio Cerroni per la gestione dei due impianti di trattamento meccanico biologico (tmb) di rifiuti situati a Malagrotta e di quello di trotovagliatura di Rocca Cencia. L'amministrazione delle strutture verrà affidata al prefetto di Reggio Calabria, Luigi De Sena, che farà da 'fiduciario'. Gli impianti erano stati raggiunti dal provvedimento di interdittiva antimafia emessa dal prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro in seguito all'apertura dell'inchiesta sul sistema rifiuti nel Lazio in cui è indagato anche il gestore di Malagrotta Manlio Cerroni. Un'ordinanza emessa dal sindaco Marino ha permesso all'Ama di continuare a utilizzare tali impianti. Alla scadenza però, fissata per il 21 maggio, Ama non avrebbe più potuto trattare a Malagrotta i rifiuti. A lanciare l'allarme era stato lo stesso primo cittadino capitolino: “Non saprò più dove mettere l'immondizia”aveva tuonato.

I COMPITI -  De Sena avrà la delega ad operare sul conto corrente su cui Ama verserà a Colari i corrispettivi per l'opera prestata da questi tre impianti su circa 2mila tonnellate di rifiuti al giorno dal 21 febbraio, data dell'entrata in vigore dell'ordinanza del sindaco Marino, al 21 maggio, quando quell'ordinanza cesserà gli effetti. L'ex prefetto dovrebbe diventare presidente del gruppo Colari.

IL PREFETTO - De Sena, 71 anni compiuti lo scorso 5 marzo, oltre a essere stato prefetto di Reggio Calabria dal 2005 (dopo l'omicidio di Francesco Fortugno), è stato capo della Squadra mobile di Roma dal 1981, direttore dell'unità centrale informativa del Sisde, poi all'interno della Criminalpol si è occupato del progetto sicurezza per il Giubileo del 2000. Nel dicembre 2003 è stato nominato vicecapo della Polizia e direttore centrale della Criminalpol e dal 2008 al 2013 è stato senatore del Pd e vicepresidente della commissione Antimafia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I RICORSI AL TAR - Intanto la sezione prima ter del Tar del Lazio ha fissato per il 26 giugno la discussione di merito sui ricorsi presentati da Colari e Pontina Ambiente (per il tmb e la discarica di Albano) contro i due provvedimenti di interdittiva del prefetto Pecoraro. I giudici hanno respinto la richiesta di sospensiva delle interdittive ritenendo che non vi fossero i presupposti per concederla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento