Politica

Nell'immobile confiscato una casa per donne vittima di violenza: "Qui ricominceranno a vivere"

Ass. Veronica Mammì: “Siamo partiti con 2 centri antiviolenza, oggi sono 10”

Un immobile confiscato alla criminalità organizzata, nel popoloso municipio VII, è stato destinato alle donne vittime di violenza.

Un percorso da intraprendere con i figli

Nella nuova “casa di semiautonomia” le future ospiti potranno affrontare il difficile percorso di fuoriuscita dai maltrattamenti. Un primo fondamentale passo per riprendere un’esistenza serena con i propri bambini. La struttura è stata infatti arredata per consentire ai minori di restare con le rispettive madri .

La fuoriuscita dai maltrattamenti

“Ogni servizio che apre a sostegno delle donne vittime di violenza può rappresentare un’occasione concreta per la fuoriuscita dai maltrattamenti. Per questo motivo abbiamo investito con forza in questa direzione e, grazie a questo impegno, oggi Roma ha visto notevolmente incrementare i servizi e le strutture disponibili sul territorio” ha commentato la sindaca Virginia Raggi.

L’edificio che è stato confiscato può ospitare fino a tre donne, insieme ai loro figlii. E rappresenta la  terza casa di semiautonomia inaugurata dall’Amministrazione Capitolina in questi anni, che si aggiunge all’apertura sul territorio cittadino di otto nuovi centri antiviolenza e di altri cinque appartamenti per ospitare donne e bambini basati sul modello innovativo del cohousing.

Un centro antiviolenza per ogni municipio

“ Siamo partiti con soli due centri antiviolenza attivi in città -ha ricordato Veronica Mammì, assessora capitolina alla Persona - oggi  sono dieci ed entro la fine dell’anno, grazie agli investimenti che abbiamo fatto come Amministrazione, arriveremo ad assicurare quasi un centro antiviolenza a Municipio e aprire ancora nuove strutture per accogliere donne e bambini” .

I lavori nell’appartamento, confiscato alla criminalità organizzata, sono stati realizzati dal Dipartimento SIMU con il sostegno di fondi PON Metro 2014-2020, che hanno anche sostenuto l’arredo e l’apertura del servizio a cura del Dipartimento capitolino alle Pari Opportunità.

Il valore simbolico dell'operazione

L’apertura della nuova struttura riveste particolare importanza perchè consente di mettere a disposizione della comunità, ed in particolare delle donne che hanno subito dei maltrattamenti, un bene che è stato sottratto alla criminalità.  Per farlo è stato necessario attivare una sinergia interistituzionale con l'obiettivo di trasformare un bene confiscoano in un'opportunità per la cittadinanza. “Ci stiamo sempre più dedicando a questo obiettivo nel riutilizzo degli immobili che chiediamo all'Agenzia Nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata” ha spiegato l'assessora al Patrimonio Valentina Vivarelli, perchè in tal modo “si lancia un messaggio importante di riscatto della collettività nei confronti della criminalità”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nell'immobile confiscato una casa per donne vittima di violenza: "Qui ricominceranno a vivere"

RomaToday è in caricamento