Lunedì, 2 Agosto 2021
Politica Monteverde

Immigrati irregolari presso circolo sportivo: li aveva autorizzati il proprietario

Tre immigrati irregolari con l'obblico di firma e altri stranieri in fuga. Questo il bilancio di un'azione intrapresa dalle forza dell'ordine la scorsa settimana presso il circolo sportivo Olimpia Tennis in via dei Colli Portuensi: "Gli stessi immigrati hanno rivelato di aver avuto l'autorizzazione di stazionare lì dal proprietario"

Allarme immigrazione clandestina nel cuore di Monteverde. In uno dei quartieri residenziali del XVI municipio, si affaccia la delicata questione della presenza di alcuni immigrati irregolari che da qualche mese si sono stanziati presso l'impianto sportivo dell'Olimpia Tennis in via dei Colli Portuensi

“Attualmente la struttura, di proprietà privata, è in stato di abbandono e dallo scorso dicembre numerosi cittadini hanno notato degli individui sospetti che si introducevano scavalcando la recinzione” è il racconto di Marco Valente consigliere Pdl nel XVI municipio. Valente ha quindi invitato il proprietario della struttura a sporgere un esposto presso l'autorità giudiziaria.

“Mi garantì che la situazione si sarebbe protratta solo per un paio di settimane perchè avrebbero cominciato dei lavori di ristrutturazione e gli individui avrebbero provveduto a lasciare i locali”. Le settimane passano, ma dei lavori neanche l'ombra. La necessità di far luce sulla questione si fa sempre più pressante, anche perchè a poca distanza del circolo sportivo caduto ormai in disuso, sono situati un asilo nido e una scuola media: “I recenti fatti di cronaca non sono certo di supporto a una situazione del genere, per questo vedendo che i lavori non iniziavano abbiamo esercitato nuove pressioni verso il proprietario il quale mi assicurò di aver fatto l'esposto presso la Polizia di Stato”.

Il via vai di individui però non cessa e un intervento delle forze dell'ordine tarda ad arrivare. Valente scopre così che presso il Commissariato di via Cavallotti in realtà non risulta alcun esposto da parte del proprietario, e decide di sporgerlo lui stesso: “Ho proceduto personalmente a fare il primo esposto, nella duplice veste di Consigliere del Municipio interessato, e di cittadino residente nelle adiacenze dell’area in questione. La settimana scorsa, vedendo personalmente entrare i soggetti all’interno dell’impianto, ho chiamato il 112”.

Le forze dell'ordine una volta entrate hanno così trovato tre immigrati clandestini sottoposti a obbligo di firma presso la stazione dei Carabinieri, mentre altri due fuggivano da un buco della recinzione. “Gli stessi immigrati – ha proseguito Valente – una volta interrogati hanno rivelato di aver avuto da parte del proprietario della struttura il permesso di stazionare per qualche settimana. Per questo abbiamo lanciato una raccolta firme, che già sono diverse centinaia: per sensibilizzare le istituzioni e per scongiurare situazioni che possono degenerare da un momento all'altro riguardanti la sicurezza. Con l'arrivo del caldo poi incombono anche pericoli ambientali, come eventuali incendi delle aree circostanti o emergenze sanitarie”.

E finalmente, forse proprio grazie alle firme raccolte, l’altro giorno uno dei proprietari dell’impianto ha provveduto a denunciare presso la Polizia l’occupazione degli immigrati.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immigrati irregolari presso circolo sportivo: li aveva autorizzati il proprietario

RomaToday è in caricamento