Politica

Il sindaco di New York promuove Marino: "E' come un fratello. Roma è in buone mani"

Bill De Blasio in Campidoglio per incontrare il sindaco Marino. Dal collega newyorkese arriva la disponibilità a trovare mecenati disposti ad investire per progetti artistici e archeologici a Roma

C'è feeling tra New York e Roma. A suggellare l'intesa un incontro tra i rispettivi primi cittadini, Bill De Blasio e Ignazio Marino, che ieri si sono incontrati in Campidoglio. Mecenatismo e filantropia al centro dei discorsi tra i due. Un ponte tra New York e Roma che verrà gettato anche grazie all'incontro di ieri.

"E' un grande onore essere qui con il sindaco", spiega De Blasio. "Credo di aver trovato oggi un nuovo fratello. C'e' sempre stato un forte legame Roma e New York". "È stato per me un piacere e un onore ospitare in Campidoglio il sindaco di New York Bill De Blasio e la sua famiglia. Da oggi le nostre due città sono più vicine e pronte a lavorare insieme".

De Blasio ha sottolineato come sia "un piacere essere a Roma, una delle più belle città del mondo. C'è sempre stato un forte legame tra Roma e NY. Nipote di immigranti italiani ho un legame speciale con la capitale italiana. La mia famiglia ed io abbiamo visitato spesso la città - aggiunge - Condividiamo anche problemi simili come la disparità di reddito e quella di costruire una società inclusiva. Spero che questa sia una collaborazione proficua".

Marino spiega quindi che nel corso dell'incontro si è "discusso di filantropia e mecenatismo. De Blasio ritiene che sia possibile coinvolgere persone di origine italiana che vivono a New York e che si sono arricchite moltissimo nel finanziamento di borse di studio per giovani e artisti con scarse risorse economiche per scambi culturali".

Il sindaco Marino conferma poi le parole sulla povertà: "Abbiamo parlato della sfida dell'integrazione e della povertà. Una sfida che Bill prende come un impegno molto importante e serio, così come la nostra amministrazione. Lo consideriamo non soltanto una sfida delle città, ma una sfida epocale, dei nostri tempi per superare le diseguaglianze, soprattutto per le persone più giovani".

C'è poi la possibilità concreta che De Blasio porti a Roma mecenati pronti ad investire: "E' quello che stiamo facendo, ne abbiamo incontrati diversi nel precedente viaggio a New York". Durante il colloquio privato con Marino, De Blasio gli avrebbe proposto il suo aiuto per trovare finanziatori per progetti artistici e archeologici a Roma.

Infine il traffico. Roma e New York lottano duramente contro lo stesso problema: "Anche New York ha grandissime difficoltà a convincere le persone a lasciare l'auto a casa. Con l'immigrazione è questa una delle sfide più importanti del nostro tempo". Secondo il chirurgo di Genova, De Blasio "quando ha visto via dei Fori Imperiali senza macchine ha detto di aver letto che ci sono state molte controversie da noi, ma che la decisione è molto popolare a Ny". E sul sindaco ciclista Marino ha riferito l'apprezzamento del collega newyorkese:  "Secondo lui può essere di esempio per i convincere i cittadini a non usare le macchine e per tutelare i monumenti dallo smog".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sindaco di New York promuove Marino: "E' come un fratello. Roma è in buone mani"

RomaToday è in caricamento