rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Politica

Gualtieri annuncia 300 progetti in 180 giorni: "La scadenza è alla fine dell'estate"

Il sindaco e la giunta hanno annunciato i risultati su cui punta l'amministrazione. Gualtieri: "Da questi 300 obiettivi passa il miglioramento della vita dei cittadini"

Un’agenda fitta di interventi da mettere in campo per i prossimi sei mesi. Dal trasporto pubblico al decentramento, passando per gli interventi previsti nel settore turistico e sul fronte della cultura.

La scadenza

“Sono 182 i provvedimenti che la Giunta ha adottato fino a oggi” ha premesso nel suo discorso il primo cittadino, riferendosi all’attività relativa ai primi cento giorni. Molti altri invece sono in arrivo perché “ognuno dei 300 obiettivi ha un cronoprogramma preciso ma la scadenza sono i 180 giorni, alla fine dell'estate” ha precisato Gualtieri. Si tratta quindi di una road map a tappe serrate, su cui l’amministrazione ha deciso di scommettere perché "da questi 300 obiettivi passa il miglioramento della vita dei cittadini romani e l'attuazione del nostro programma".

Rifiuti e ambiente

A ciascun assessore, nell’ambito di una conferenza stampa che si è protratta oltre due ore, è stato affidato il compito d’illustrare sommariamente quali siano gli obiettivi dei prossimi mesi. Così ad esempio l’assessora all’ambiente ed ai rifiuti Sabrina Alfonsi ha spiegato che “nei prossimi 180 giorni noi saremo in grado di dire come chiudiamo il ciclo dei rifiuti e quali impianti faremo” sottolineando che l’obiettivo di lungo termine resta quello di aumentare la quota della differenziata, che a Roma è ferma al 43 % da diversi anni. Sul fronte dell’ambiente, invece, Alfonsi ha ricordato i 27 milioni messi in bilancio sul verde “più del doppio dei 12 milioni dell’anno precedente” che contribuiranno a migliorare la cura di alberi e dei giardini pubblici.

Turismo e attività produttive

Dal fronte del turismo, l’assessore Alessandro Onorato ha invece dichiarato che “entro ottobre” Roma punta a dotarsi di una fondazione mista pubblico privata con il compito di “commercializzare Roma ed intercettare i flussi”. E’ qualcosa, è stato precisato, che “in altre città europee esiste da decenni” e che l’amministrazione punta a fare “entro ottobre con grandi Stati generali del turismo che coinvolgeranno imprese pubbliche e private”. Sul fronte delle attività produttive l’intenzione della giunta, che come ha ricordato l’assessora Monica Lucarelli ha avviato una collaborazione con il comitato promotore Expo2030, è quello di “creare una cabina di regia per attrarre brand globali”. Mentre, per restare sul settore del commercio “in senso stretto”, l’assessora ha ricordato il lavoro in corso per la predisposizione di “15 piani del commercio”. Uno per ogni municipio. Uno strumento “utile anche per definire il rinnovo delle concessioni su area pubblica”. Tra gli impegni che l’assessorato alle attività produttive ha assunto per i prossimi mesi, c’è anche quello d’intervenire per semplificare i regolamenti che sottendono l’apertura di un’impresa, visto che “oggi è ancora troppo complicato ottenere tutte le le necessarie autorizzazioni”.

Il decentramento 

Nel corso della conferenza stampa il sindaco ha ricordato che i prossimi 180 giorni saranno importanti anche per definire il “processo di decentramento amministrativo” e “la città dei quindici minuti”, deleghe su cui è impegnato l’assessore Catarci. Al riguardo l’ex minisindaco ha ricordato l’intenzione di voler riscrivere entro la fine del mandato il regolamento sul decentramento “vecchio ormai di 21 anni” ed anche, per i prossimi mesi, di “lavorare in connessione con i municipi per creare un set di albi cittadini” con cui procedere più speditamente “nei processi di progettazione”.

La mobilità

Dal punto di vista della mobilità, sono stati individuati i prossimi interventi. Molto ci sarà da fare sugli armamenti tranviari, visto che, ha rimarcato l’assessore Eugenio Patanè, “la cura del ferro è l’emergenza di questo momento”. Al riguardo, è stato chiarito “abbiamo un totale di 65 milioni di euro con i quali lavoreremo mese per mesi”. A partire dalla linea 8, che sarà chiusa per sei mesi visto che “per 25 anni non è mai stata manutenuta”. Lavori di manutenzione riguarderanno anche la linea A, con le chiusure serali che sono già state anticipate. La novità annunciata durante la conferenza stampa, invece, riguarda l’approdo in giunta di una delibera che punta ad usare i fondi del Pnrr per “54 km di piste ciclabili, con progetti già disponibili. 

La sfida 

Sommati, i progetti annunciati dai vari assessori, sono trecento. Da realizzare in 180 giorni ovvero “entro la fine dell’estate”. Sono stati appena tratteggiati dalla giunta solo per far comprendere quale sia l’obiettivo di fondo che è, ha ricordato il sindaco, quello di “tenere l’asticella molto alta” con “una tabella di marcia molto intensa”. All’amministrazione il compito, e la sfida, di tradurla in risultati concreti ed apprezzabili nel medio periodo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gualtieri annuncia 300 progetti in 180 giorni: "La scadenza è alla fine dell'estate"

RomaToday è in caricamento