Governo M5s-Pd, i grillini romani preparano la fronda: "Dimissioni in blocco"

Il consigliere regionale Daniele Barillari su Facebook: "Sono nato Cinque Stelle, non morirò piddino: con altri portavoce valutiamo il da farsi"

Mentre nei palazzi del potere e nelle direzioni dei partiti sono in corso le trattative per la nascita del nuovo governo M5s-Pd, la prospettiva di un'alleanza parlamentare con i Dem agita le acque in casa grillina. 

Verso il governo M5s-Pd

Lontani i tempi del MoVimento "duro e puro", contrario a qualsiasi alleanza e coalizione: la base grillina, che ha già dovuto digerire il "contratto di governo" con la Lega, si ritrova adesso a dover fare i conti con un futuro, che appare più che immediato, accanto al Pd. 

Da antagonisti ad alleati. Il tutto dopo mesi, se non anni, di pesanti accuse volate tra uno schieramento e l'altro. 

Così mentre Luigi Di Maio tesse la tela per la nascita del nuovo esecutivo, scalpitando per un posto da vicepremier, e Alessandro Di Battista fissa alcuni punti ("taglio dei parlamentari, via i Benetton da Autostrade, 'No' a Malagò, No ai conflitti d'interesse") rilanciando il M5s alla guida del Paese, seppur con il Pd, per "imporre grande coraggio sui temi", un'altra parte del MoVimento non nasconde il proprio disappunto. 

Governo M5s-Pd, la fronda di Barillari: "Dimissioni in blocco"

Lo fa uno dei 'big' del Lazio: il consigliere regionale, Davide Barillari. "Sono nato 5 stelle e di sicuro non morirò piddino" - ha scritto l'esponente grillino sulla propria pagina Facebook. "Non dimentico mafiacapitale. Non dimentico Bibbiano. Non dimentico i 1043 arrestati PD negli ultimi 7 anni". 

Un duro attacco ai Dem, un 'No' netto al governo M5s-Pd. "Insieme a tanti altri portavoce, a vari livelli, stiamo discutendo se arrivare alle dimissioni in blocco oppure a percorrere una nuova strada per far rinascere i valori del M5S..." - ha annunciato Barillari. 

Tra i like al post spunta anche quello di Micaela Quintavalle, autista e sindacalista di Atac licenziata che aveva tentato la candidatura con il M5s in Europa: bocciata al primo turno delle parlamentarie.

In Regione Lazio il laboratorio del compromesso tra Pd e M5s

Sembra partire dunque dalla Regione Lazio il tentativo di fronda grillina, quasi una prospettiva di 'scissione' all'interno del MoVimento. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un paradosso: è proprio alla Pisana che, con il presidente Nicola Zingaretti senza maggioranza in Consiglio, Pd e M5s collaborano sui temi, trovando convergenza sui singoli punti programmatici. Un "laboratorio" del compromesso che potrebbe essere replicato anche a livello nazionale. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso Comune di Roma, pubblicati i bandi: 1512 i posti a disposizione, tutte le informazioni

  • Conosce anziana in treno e la violenta nel vagone, arrestato 28enne

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Case Ater all’asta: da Garbatella a Trionfale 18 immobili finiscono sul mercato

  • Scuola, nel Lazio il rientro è a ingressi scaglionati: ecco le fasce orarie

  • Coronavirus, a Roma nove nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 agosto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento