Politica

Fondi per la Metro C oltre piazza Venezia: il Governo boccia emendamento Pd-M5s

La rabbia del senatore Stefano Esposito e dei sue due colleghi penstastellati: "A pagare è Roma"

Un emendamento al decreto legge sul Fisco che svincolava i fondi per la metro C dalla realizzazione delle singole stazioni, prendendo atto dei ritardi nei tempi della realizzazione e che nelle sue pieghe di fatto permetteva di utilizzare i finanziamenti anche oltre piazza Venezia. Un emendamento che, per una volta, vedeva in commissione trasporti sulla stessa posizione Pd e M5s, con i grillini d'accordo con lo storico nemico, il senatore Stefano Esposito. 

stefanoesposito22-2Proprio lui, l'ex assessore, è stato l'ispiratore del provvedimento. E proprio lui, come confessa a RomaToday, è arrabbiatissimo con il Governo. Palazzo Chigi ha infatti bocciato quell'emendamento, "arrecando un danno a Roma, non alla Raggi", spiega Esposito al nostro giornale. "E' incredibile quello che è successo. Avevamo avuto il parere positivo del Ministero dello sviluppo economico, di Delrio. Questa bocciatura è davvero inspiegabile. Sono fuori di me". 

Il provvedimento nasce anche per impedire che Roma perda un finanziamento di 10 milioni di euro. "Ero riuscito a convincere il M5s che si trattava di un emendamento di buon senso. Loro, che mi vedono come il diavolo in terra, per una volta erano d'accordo con me, avendo capito che si trattava di un provvedimento positivo per la Capitale". E invece è arrivata la bocciatura che il Governo ancora non ha motivato. 

Ieri era stata la senatrice Taverna a rendere nota la bocciatura, dando indirettamente una notizia. M5s, sempre accusato di essere ondivago sul futuro dell'opera, aveva accettato di votare un emendamento che portava la terza linea della metro romana oltre piazza Venezia. In una nota congiunta i senatori Taverna e Scibona spiegano: "L'emendamento estendeva i finanziamenti della metro C a tutta la tratta e non unicamente al tratto Colosseo – Piazza Venezia. Tale iniziativa nasceva per permettere una accelerazione dell’opera ed un miglior utilizzo dei fondi".

paola_taverna_foto_Ansa"L'azione di buon senso", aggiungono i due pentastellati, "è stata stoppata da Palazzo Chigi, che ancora, come noto, predilige il trasporto su gomma, la mobilità insostenibile e l’inquinamento. Eppure le premesse politiche vi erano tutte, come per l’emendamento, sempre a firma Pd (Esposito) e Movimento 5 Stelle (Scibona) che attribuiva nuovi fondi all’azienda di trasporto torinese Gtt. Emendamento approvato con piena soddisfazione delle parti ma soprattutto dell’utenza che vede allontanarsi un rischio fallimento del tpl torinese” spiega Scibona. "A Roma non si è voluto finanziare il trasporto pubblico locale, al Governo il buon senso non è di casa. Questi giochi sulla pelle dei romani sono intollerabili", conclude Taverna. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondi per la Metro C oltre piazza Venezia: il Governo boccia emendamento Pd-M5s

RomaToday è in caricamento