menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Urbanistica, la giunta sblocca mille alloggi 'sociali': aumentano le case nei Piani di Zona

Approvata la delibera presentata dall'assessore alla Trasformazione Urbana Caudo che porta a termine parte del processo avviato dall'amministrazione Alemanno. I nuovi appartamenti ospiteranno 3.300 cittadini

Oltre mille case in edilizia residenziale sociale. In totale, oltre 3.300 cittadini. La giunta Marino sblocca la 'densificazione' dei Piani di Zona avviata a suo tempo dall'amministrazione Alemanno. In pratica nei Piani di Zona, quartieri dove gli appartamenti sono affittati o venduti a canoni più bassi del libero mercato anche se non si tratta di case popolari, nei comparti non ancora costruiti che non erano destinati ad ospitare case o quelli che avrebbero dovuto essere occupati da servizi, possono essere realizzati appartamenti. Ieri gli assessori hanno approvato la delibera presentata dal Titolare della Trasformazione Urbana Giovanni Caudo. Il provvedimento fa parte di quel 'pacchetto urbanistico' che approderà in Assemblea capitolina nelle prossime settimane. 

L'assessore Caudo ha spiegato come la delibera “dà l'ok a una variante urbanistica per la densificazione di dieci piani di zona. Il provvedimento originale nasce durante l'era Alemanno: allora prevedeva venti diversi piani, noi ne abbiamo accettati dieci”. Si tratta, di “aree in sette diversi municipi, dove verranno realizzati 1.072 alloggi di edilizia residenziale sociale che potranno ospitare circa 3.328 abitanti”.

Gli interventi, ha specificato Caudo, “riguarderanno circa 61mila metri quadrati, sono lotti molto piccoli e l'intervento più grande prevede 355 alloggi a Romanina. Adesso faremo un bando per individuare i soggetti che realizzeranno questi alloggi, che l'amministrazione potrà realizzare senza mettere soldi semplicemente apportando il terreno pubblico”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento