rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Politica

Giubileo 2025: al via 87 opere per 1,8 miliardi

Gualtieri: “Le opere coinvolgeranno tutta Roma, dal centro alla periferia”

Sono definiti “essenziali ed indifferibili” e rappresentato la prima tranche di interventi, ottantasette in tutto. Sono quelle opere finanziate con il Dpcm che è stato presentato dal sindaco Roberto Gualtieri e dal sottosegretario Alfredo Mantovano, in previsione del Giubileo del 2025.

“Abbiamo diviso gli interventi in quattro ambiti: accessibilità e mobilità, ambiente e territorio, riqualificazione e valorizzazione, accoglienza e partecipazione” ha dichiarato il sindaco Gualtieri  che ha promesso che le opere “coinvolgeranno tutta Roma: non solo i luoghi giubilari, ma anche tante piazze e molti spazi della nostra città, dal centro alle periferie”. Il programma, che nella mattinata del 12 gennaio è stato presentato anche a papa Francesco, “sfiorerà i 4 miliardi con il secondo Dpcm” e servirà, a detta del sindaco, a rendere “Roma più bella, accessibile ed inclusiva”.

I fondi e le opere previste

Gli investimenti previsti comprendono 62 interventi totalmente finanziati dai fondi giubilari, 10 che integrano fondi preesistenti e 15 già finanziati che sono stati inseriti per essere accelerati attraverso le procedure commissariali. Il programma è stato definito secondo le linee di indirizzo stabilite dal tavolo istituzionale istituito presso la presidenza del Consiglio dei Ministri, in stretto raccordo con la Santa Sede e con tutti i soggetti coinvolti che sono molti. I principali sono Società Giubileo 2025 che, in qualità di soggetto attuatore e stazione appaltante, gestirà circa 344 milioni di euro. E poi Roma Capitale con le sue varie articolazioni, la regione Lazio, l’agenzia del Demanio, le Ferrovie dello Stato, le società in house, il ministero della cultura, il parco dell’Appia Antica e la Diocesi di Roma.

Nello specifico, saranno trentadue i progetti di riqualificazione e valorizzazione, 23 quelli relativi ad accessibilità e mobilità, 8 quelli dedicati al capitolo accoglienza e partecipazione e 24 per ambiente e territorio. In totale, sono un 1 miliardo i fondi giubilari e 1,8 miliardi le risorse complessive, a cui si aggiungono ulteriori 500 milioni di euro che riguardano invece i 335 interventi già definiti con fondi Pnrr per la realizzazione del Piano 'Caput Mundi'

Interventi di riqualificazione

Tra le opere di riqualificazione previste, a titolo esemplificativo, è contemplata la realizzazione del sottovia di piazza Pia, nell’area del Vaticano; la sistemazione del sottopasso pedonale di via Gregorio VII e la riqualificazione dei percorsi pedonali di via Ottaviano-San Pietro e della stazione di San Pietro rientrano nello stesso ambito. Lavori di riqualificazione sono attesi anche in piazza dei Cinquecento ed alla stazione Termini, così come al mercato di via Sannio. 
Come era stato già annunciato, alcuni interventi saranno concentrati sui sagrati delle basiliche giubilari, quindi di San Pietro, San Paolo e San Giovanni, anche delle chiese di periferia. Saranno inoltre riqualificati e valorizzati i cammini dei pellegrini e l’illuminazione degli svincoli del GRA. Previsti inoltre anche interventi di manutenzione della viabilità principale – si prevedono lavori per circa 430 km di strade – ed il recupero del ponte dell’Industria.

Opere di accessibilità e mobilità

Nell'ambito legato all’ accessibilità ed alla mobilità sono stati previsti 23 interventi. Tra questi rientrano la sistemazione delle fermate dell’Atac, la fornitura di nuovi treni della metropolitana linee A e C, il completamento del rinnovo dell'armamento della metropolitana linea A, la fornitura di nuovi bus ibridi e a metano e gli interventi per la manutenzione delle linee A e B della metropolitana. Rientra in questo ambito di lavori anche il parcheggio interrato a lungotevere Castello. Per la mobilità sostenibile, invece, è stato previsto il collegamento ciclabile Monte Ciocci San Pietro.

Gli interventi per l'accoglienza e l'ambiente

Nell'ambito dell'Accoglienza e partecipazione il piano propone 8 interventi che comprendono la realizzazione di un ostello della gioventù a Santa Maria della Pietà, un centro di eccellenza per persone con disabilità, un centro di accoglienza per persone senza fissa dimora, 11 case dell'acqua ed il potenziamento dell'offerta di bagni pubblici. 

Infine, il programma dettagliato per il Giubileo 2025 contempla anche 24 interventi rivolti all'ambito Ambiente e territorio che riflettono come l'impegno giubilare si rivolga anche alla cura del patrimonio naturalistico, come le vie d'acqua e i parchi. A tal fine sono stati inseriti interventi relativi alla creazione di parchi pubblici d'affaccio ed oasi naturalistiche sul Tevere, interventi di riqualificazione e valorizzazione delle sponde del Tevere, e interventi sul verde di alcune ville storiche.

“Ringrazio il governo per la collaborazione e l’impegno per la buona riuscita di questo importantissimo evento spirituale. Roma – ha dichiarato Roberto Gualtieri - è pronta a cogliere questa eccezionale occasione per diventare una città più moderna e più inclusiva, più efficiente e più accessibile per tutte e per tutti”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giubileo 2025: al via 87 opere per 1,8 miliardi

RomaToday è in caricamento