rotate-mobile
Politica

Giubileo, chieste deroghe al Governo per 25 interventi: "Metro accessibili ai disabili tra le priorità"

Ad annunciare alcuni misure da adottare in vista dell'Anno Santo, è l'assessore capitolino ai Trasporti Guido Improta, prossimo a lasciare il posto in giunta, durante la commissione Turismo

Accessibilità alla metropolitana, percorsi pedonali in centro storico, pedonalizzazione di via della Conciliazione, e in totale 25 interventi sui quali il Campidoglio ha chiesto deroghe di natura "legata alle procedure amministrative e in qualche caso di competenze e questo per migliorare lo standard di accoglienza" . Parliamo di Giubileo, e ad annunciare alcuni misure da adottare in vista dell'Anno Santo, è l'assessore capitolino ai Trasporti Guido Improta, prossimo a lasciare il posto in giunta, durante la commissione Turismo. 

AUSILIARI CHE FANNO LE MULTE - Tra le deroghe di competenze chieste "c'è quella di consentire agli ausiliari del traffico di Atac di multare non solo chi non ha pagato le strisce blu o percorre indebitamente le corsie preferenziali ma anche chi parcheggia in sosta vietata", ha spiegato. Sarebbe sperimentale anche se per Improta "dovrebbe trovare accoglienza nel codice della strada ed essere norma a beneficio di tutti gli enti locali". 

METROPOLITANA - Tra quelle legate ai tempi c'è quella per fare delle modifiche alla stazione Ottaviano perchè "se dovessimo seguire i tempi ordinari non ce la faremmo per l'8 dicembre. I tempi amministrativi non mettono in discussione la trasparenza, la correttezza, la concorrenza: se ci danno queste deroghe possiamo pensare di migliorare lo standard di accoglienza altrimenti chi arriva vivrà Roma come la vivono i romani 365 giorni l'anno".

"OTTAVIANO LA PRIORITA'" - Altro tema centrale riguarda l'accessibilità alla metro per i disabili. Le stazioni "Flaminio, Barberini e Ottaviano sono le tre priorità date ad Atac". La stazione Ottaviano della linea A "necessariamente deve essere pronta. La fermata di piazza di Spagna è quella più problematica, dobbiamo garantire che ci sia il funzionamento dell'ascensore, molto più di quanto avviene ora, da Trinità de' Monti a via del Boschetto. Dopodichè quella fermata ha delle limitazioni strutturali per cui si può fare poco- ha aggiunto Improta- per fortuna è tra Barberini e piazzale Flaminio".

SCALE MOBILI E ASCENSORI - Inoltre, sul funzionamento delle scale mobili e degli ascensori, "abbiamo chiesto al ministero degli Interni, aspettiamo una risposta, di potere fare il controllo da remoto degli ascensori. Molti dei disagi che patiscono i portatori handicap perchè non c'è l'addetto che deve accompagnarli all'uso del mezzo si traduce in disservizio, ma non sempre questo è dovuto al fatto che l'ascensore non funziona. Pertanto abbiamo chiesto di avere un'autorizzazione per cui se mettiamo una telecamera all'entrata e una all'uscita dell'ascensore con una persona che controlla che l'utente sia entrato e uscito lo standard di sicurezza lo abbiamo soddisfatto lo stesso".

STRISCE PEDONALI--->IN VISTA DEL GIUBILEO IL CAMPIDOGLIO APRE AI PRIVATI

PERCORSI PEDONALI - Poi c'è la questione dei percorsi pedonali da attuare in centro storico. Che però, avvisa Improta, non è detto saranno permanenti. Tra gli interventi che potrebbero essere realizzati per il Giubileo ce ne sono alcuni "che si giustificano solo per un modello organizzativo che sta adottando la Santa Sede, e mi riferisco agli itinerari pedonali. Ci è stato richiesto di ipotizzare alcuni itinerari pedonali, anche nell'ambito del Centro storico, ma è prematuro dire se questi interventi potranno diventare permanenti". 

Questi itinerari "investono una serie di luoghi che, per la caratteristica che assumeranno in vista del Giubileo, saranno legati al culto ma anche a infopoint piuttosto che a luoghi di raccolta. Ci sono alcune realtà nel Centro storico che fungeranno da meeting point per singoli e gruppi e da qui ci si incamminerà verso il Vaticano e questo percorso verrà salvaguardato dal punto di vista della percorribilità. Sono interventi che per loro stessa natura non presuppongono tempi giganteschi di realizzazione- ha concluso Improta- Si tratta di itinerari al servizio delle basiliche e delle catacombe".

VIA DELLA CONCILIAZIONE - Sempre sul fronte pedoni, è allo studio un piano per liberare dal traffico la corsia centrale di via della Conciliazione. "Se il modello funziona potremmo replicarlo negli anni a venire per altri eventi come la Settimana Santa, l'Immacolata concezione e il Natale - ha concluso - ma è evidente che mal si concilia con una ordinarietà dei flussi".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giubileo, chieste deroghe al Governo per 25 interventi: "Metro accessibili ai disabili tra le priorità"

RomaToday è in caricamento