Scuola: "Roma Capitale deve assicurare livelli adeguati nei servizi di refezione, 4 Euro a pasto un rischio"

Lo dichiarano in una note Davide Bordoni e Franco Gaetani (Forza Italia):

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Con il budget delle mense scolastiche di Roma a poco più di 4 Euro a pasto, sulla base di un bando per la refezione scolastica diviso tra i quindici Municipi, più che di risparmi si può parlare di un’autentica dieta forzata per i bambini dall’asilo nido fino alle elementari. Perché qui la coperta è talmente corta che solo delle micro porzioni potrebbero ovviare al fatto di mettere in tavola davanti a giovani e giovanissimi cibo di qualità scadente e con un servizio poco dignitoso.

“A quanto sembra chi ha redatto il bando aveva delle difficoltà” commenta Davide Bordoni coordinatore romano di Forza Italia e capogruppo in Campidoglio – “Difficoltà a capire che un menù bilanciato, di qualità, ha costi ben diversi. Si dovrà procedere al razionamento delle porzioni? Inaccettabile che i bambini degli asili nido e delle scuole, in questo livellamento verso il basso, debbano subire le conseguenze di servizi sempre più scadenti.” – “Un bando triennale del 2017 prorogato fino al 2020 e che entrerebbe in vigore solo a ridosso della sua scadenza, coprendo solo i prossimi nove mesi”. - evidenzia poi Franco Gaetani responsabile dei Servizi Scolastici di Forza Italia Roma – “Parliamo di 170 Asili Nido Comunali dove attualmente lavorano nel servizio cucine gli operatori della Multiservizi.

Nel mese di Settembre molto probabilmente le derrate alimentari continueranno ad essere fornite dall'attuale affidatario e la preparazione dei pasti per i bambini sarà realizzata dal personale Multiservizi.” Ci auguriamo – conclude la nota congiunta - che l’Assessorato alla Scuola e Comunità solidale nella persona di Laura Baldassarre intervenga presto per fare chiarezza su questa preoccupante situazione e che, in ragione della proroga già in atto e del preannunciato sciopero dei sindacati il 16-17 settembre, si possa estendere l’appalto agli attuali affidatari fino al 30 giugno prossimo ovvero al compimento dell’anno scolastico tutelando così sia la qualità dei servizi per i piccoli utenti sia la continuità lavorativa per tutti i lavoratori della Roma Multiservizi: 170 cuochi per i rispettivi asili nido.

Così in una nota Davide Bordoni coordinatore romano di Forza Italia e capogruppo in Campidoglio assieme a Franco Gaetani responsabile dei Servizi scolastici di Forza Italia Roma

Torna su
RomaToday è in caricamento