Casamonica, Raggi a un anno dalla demolizione dei villini: "Il 20 novembre Fiaccolata della Legalità"

La sindaca dà appuntamento ai romani domani mercoledì 20 novembre, a un anno dalla demolizione degli edifici dei Casamonica al Quadraro

Raggi con i vigili urbani durante le operazioni di abbattimento

"Il 20 novembre 2018 è una data simbolo per Roma: abbiamo demolito le ville abusive del clan Casamonica". La sindaca Virginia Raggi ricorda la ricorrenza, e dà appuntamento ai romani nello stesso luogo, via del Quadraro, un anno dopo, per la Fiaccolata della legalità. "Una grande vittoria dei cittadini contro l'illegalità" scrive su Facebook la sindaca, che ha fatto del tema "mafie e legalità" il suo punto forte, asso nella manica anche sul piano comunicativo in un periodo di consensi in picchiata per il M5s e la sua amministrazione. 

Alla fiaccolata, fissata per domenica mercoledì 20 novembre alle ore 18 e 30 in via del Quadraro 110, presenzierà anche la parlamentare, vicepresidente del Senato, Paola Taverna. "Abbiamo denunciato, presidiato e siamo passati ai fatti. Se con i nostri predecessori Roma era il terreno di guerra tra feudi mafiosi, con noi al governo della città non doveva più succedere. Dunque, le ville dei Casamonica anzichè temerle - se di solo timore si trattava - le abbiamo abbattute" gioisce sempre sui social network. 

L'abbattimento, lo ricordiamo, è stato possibile grazie all'accelerata impressa dal municipio VII a un iter avviato ben vent'anni prima, nel lontano 1997. Dal parlamentino guidato dalla presidente Monica Lozzi sono arrivati sia i fondi per coprire le operazioni che le ultime determine dirigenziali necessarie per chiudere il percorso e procedere con la demolizione dei villini, otto edifici. Non è stato possibile riconvertirli in spazi sociali perché presenti sull'area vincoli archeologici e paesaggistici.  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento