menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nelle stazioni arrivano videocamere e 400 “bike box”: ok al progetto Hub multimodali

La Giunta Raggi ha approvato l'installazione di 408 "bike box" in 7 stazioni. Si tratta di sistemi di parcheggio gestiti con un App e prenotabili da remoto. E' il primo stralcio di un progetto che prevede di realizzarne più di duemila

Videocamere e parcheggi sicuri per le bici. La Giunta capitolina ha deciso di facilitare la vita dei ciclisti che, quotidianamente, fanno ricorso al sistema di trasporto intermodale.

Cosa sono i bike box

In sette stazioni (suddivise tra metro A, metro B e FFSS) saranno installati 408 bike box, vale a dire dei moduli singoli, con apertura autonoma, da sistemare uno di fianco all’altro. Esistono anche bike box verticali ma il Comune ha deciso, al momento, di non farne ricorso. Saranno inoltre installate anche delle videocamere, ventidue per l'esattezza. I bike box orizzontali, che saranno reperiti sul mercato, è previsto abbiano un'altezza compresa tra il metro ed il metro e trenta ed una lunghezza non superiore ai 110 centimetri.

Il finanziamento europeo

Per favorire l'utilizzo integrato a mezzi di trasporto sostenibile, il Campidoglio ha elaborato dei progetti. Rientrano nel finanziamento europeo “PON Metro” che prevede una serie di “azioni integrate” da mettere in campo. Tra queste figura la realizzazione dei cosiddetti “Hub multimodali e bike parking” da realizzare in corrispondenza dei principali nodi di scambio del trasporto pubblico.

Perchè i bike box

Roma servizi per la mobilità, incaricata di progettare i nuovi parcheggi per bici, ha deciso di puntare sulla tipologia dei bike box perchè, si legge nella relazione generale del progetto, “offre vantaggi legati alla sicurezza degli utenti (deterrenza al furto), possibilità di prenotazione dello stallo da parte degli utenti” ed inoltre offre “la possibilità di procedere ad un rapido appalto di fornitura”.

Come funziona il Bike Box-2

L'obiettivo

“I progetti prevedono l’installazione di box per le bici con posteggi prenotabili tramite l’applicazione per smartphone, una tecnologia per l’accesso sicuro alla aree attrezzate con sistemi di monitoraggio e controllo. E’ una sperimentazione che riguarderà sette stazioni - ha spiegato l’assessore capitolino alla Mobilità Pietro Calabrese - ma l’obiettivo è arrivare ad allungare l’elenco di aree dedicate”.

Bike Box e PUMS

La finalità di realizzare nuovi Hub e Bike Parking, d’altra parte, è stata inserita anche nel quadro di programmazione generale prevista nel PUMS, il documento tecnico di pianificazione e programmazione della mobilità sostenibile romana. La Giunta Raggi ha deciso di approvare la prima fase, a fronte di un progetto che in futuro mira ad ampliare l’offerta  arrivando a sistemare 2008 bike box in decine di stazioni ferroviarie e metropolitane.

Localizzazioni per bike box-3


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento