menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fendi, la crisi di centralinisti e vigilantes: "Nel palazzo del lusso lavoratori pagati 4 euro l'ora"

Al Colosseo Quadrato quindici i dipendenti di una ditta esterna che lavora per la prestigiosa griffe licenziati e riassunti da nuova società. I Cobas: "E' interposizione di manodopera"

La crisi in uno dei palazzi del lusso di Roma. E' quella che investe i lavoratori dei servizi di sicurezza e centralino della sede di Fendi nel Palazzo della Civiltà Italiana

Circa quindici i dipendenti di una ditta esterna che si sono visti recapitare la lettera di licenziamento per poi essere riassunti sempre da una società appaltatrice "a condizioni salariali peggiori e con modalità operative fuori dalla norma in materia di orari, sicurezza sul lavoro e modalità di comunicazione delle turnazioni". A denunciarlo Francesco Iacovone, sindacalista del Cobas nazionale.

"Siamo al paradosso: le multinazionali del lusso, che non risentono affatto dei morsi della crisi, appaltano il lavoro all'esterno e scrollano le spalle davanti a palesi ribassi salariali e violazioni normative, finanche in tema di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro". 

La denuncia della moglie del vigilantes: "A mio marito 4 euro l'ora"

Appena 4 euro l'ora la paga dei vigilantes a tutela di beni e merce venduta a cifre da capogiro. Così la denuncia della moglie di uno dei sorveglianti, incinta del terzo figlio, ha smosso le acque: "Sono la moglie di uno degli addetti alla sicurezza del Colosseo Quadrato, la sede di Fendi. Mio marito prima percepiva 5.30€ l'ora adesso, con il 'cambio di appalto', - denuncia la donna ai piedi della scalinata - prende 4.30€. Ditemi se questo si può fare, noi abbiamo già due figli e questo - sottolinea in video indicando il 'pancione' - è il terzo". 

I Cobas: "Inaccettabile appalto a ribasso"

Una logica dell'appalto al massimo ribasso, con buste paga sempre più leggere, contro la quale si scaglia il Cobas nazionale.

"In questo caso c'è di più, i lavoratori rispondono direttamente alle richieste dirette della società appaltante, e quindi di fatto, a nostro avviso, siamo di fronte ad un appalto illecito di manodopera, considerando che gli operatori hanno lavorato per anni alle dirette dipendenze del personale Fendi. L'ostentazione del lusso in faccia a questi lavoratori poveri è inaccettabile".

La causa dei Cobas contro Fendi: "E' interposizione di manodopera"

Da qui la battaglia del sindacato che ha dato mandato al proprio studio legale di intentare causa contro la presunta "interposizione di manodopera". 

"Ci prepariamo a manifestare davanti ai negozi Fendi, che cosa costerebbe alla multinazionale del lusso assumere direttamente quei quindici lavoratori in difficoltà?" - si chiede Iacovone. 

"La dignità non dovrebbe essere al servizio dei ricchi che si possono permettere quel tipo di shopping". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento