Eterologa, approvate linee guida per il Lazio: ticket da definire

Un massimo di 43 anni d'età per la donna, non più di tre cicli nelle strutture pubbliche e un ticket che però sarà tutto da stabilire in un tavolo interregionale

Anche il Lazio ha le sue linee guida sulla fecondazione assistita eterologa e omologa. Ieri mattina le ha approvate la giunta regionale: un massimo di 43 anni d'età per la donna, non più di tre cicli nelle strutture pubbliche e un ticket che però sarà tutto da stabilire in un tavolo interregionale, per arrivare nelle intenzioni a una soluzione unica nazionale ed evitare così il caos tariffario e il pendolarismo dei pazienti da una Regione all'altra, alla ricerca di una spesa meno onerosa. 

DOVE - Nel Lazio i centri operativi per l'eterologa saranno 21, di cui sette pubblici. Su 48 centri che si erano registrati presso l'Iss solo 23 avevano i requisiti, e due hanno rinunciato. A Roma l'unico centro Pma pubblico già attivo è il Sant'Anna, ma a breve apriranno anche il San Filippo e il Pertini (mancano dei certificati). Già definite ormai le procedure autorizzative di San Camillo, Gemelli, S. M. Goretti di Latina e del Policlinico Umberto I di Roma. "Dopo anni di vero caos - il commento di Zingaretti - entro la fine dell'anno la rete delle Pma, sia pubblica che privata, lavorerà dentro un contesto di regole trasparenti e sicure, uguali per tutti".

IL TICKET - La delibera segue i punti indicati dalla Conferenza Stato-Regioni, e il modello, come era trapelato nei giorni scorsi, è quello della Toscana: nè gratis, come l'Emilia-Romagna, nè a carico completo dei pazienti come in Lombardia. Dunque, nel Lazio sarà ticket, ma la cifra è ancora tutta da definire, perchè le variabili sono molte. 

Tanto per cominciare, il Lazio è sotto commissariamento, e "dunque - ha affermato Zingaretti - per gli aspetti tecnici e i ticket dobbiamo aspettare un confronto col governo che attraverso i tavoli ha il compito di monitorare le nostre scelte". E poi bisognerà capire se le Regioni, che oggi si sono riunite nella sede romana della Regione Veneto, riusciranno a trovare un accordo su una tariffa unica, o quantomeno su un unico criterio. In Liguria, per esempio, si è scelto un ticket su base reddituale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel Lazio intanto per la fecondazione omologa si paga un ticket di 1.800 euro. Potrebbe essere un punto di riferimento? "Vedremo, è una discussione di queste ore" ha tagliato corto Zingaretti. Per il quale in ogni caso l'approvazione delle linee guida è "un'altra promessa mantenuta e sono contento che il Lazio, che era davvero in una fase arretrata su un tema così delicato, abbia recuperato moltissimo anche su questo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Miss Roma 2020: in 15 per l'ambita corona. Domenica la premiazione a Frascati

  • Ai funerali Willy arriva 'Er Brasile', Minnocci respinto all'ingresso: "Trattato come bandito, ma volevo solo portare fiori"

  • Pescaria ha aperto a Roma: file interminabili per un panino

  • Omicidio a Marconi: colpito da una coltellata, morto 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento