Ex Fiera di Roma, approvato il taglio di cubature: può partire la riqualificazione

Con la votazione della variante urbanistica si è chiuso l'iter amministrativo. Assessore Luca Montuori: “Ora via libera al concorso per riqualificare l’area”

L’ultimo passaggio amministrativo è stato formalizzato. L’Assemblea Capitolina ha deciso di approvare la variante urbanistica da cui si deve partire per riqualificare l’ex Fiera di Roma.

Da Marino a Berdini

La delibera, ereditata dall’ex assessore Paolo Berdini, prevede di mantenere le cubature attuali. Si parla però di taglio perchè, con l’amministrazione di Ignazio Marino, le superfici edificabili nell’ex polo fieristico della Cristoforo Colombo erano aumentate, raggiungendo i 67mila metri quadrati. Una scelta che era stata contestata anche dal Municipio VIII.

Il contenzioso legale

L’intenzione di riportare le superfici edificabili a 44mila mq, era stata impugnata da Investimenti Spa, la proprietaria del complesso. La società, partecipata dalla Camera di Commercio di Roma (58%), dal Comune (21%) dalla Regione e da LazioInnova (sommate raggiungono il 19% delle quote azionarie) aveva però manifestato l’interesse a mantenere i 67mila mq che erano stati deliberati dall’amministrazione Marino. Il contenzioso legale che ne è seguito ha però negato questa possibilità, aprendo di fatto la strada alla cura dimagrante auspicata dall’amministrazione Catarci e successivamente dall’urbanista Paolo Berdini.

La delibera votata in Assemblea Capitolina conferma le destinazioni urbanistiche dell’area: l’80% delle superfici verranno destinate ad edilizia residenziale, con un 20% che sarà impiegato per progetti di housing sociale. Circa novemila metri quadrati dell’ex fiera ospiteranno invece dei servizi.

Via libera al concorso internazionale

“Grazie all’approvazione della delibera da parte dell’Assemblea Capitolina, finalmente potrà essere avviato l’iter di riqualificazione dell’area che avverrà attraverso un concorso internazionale - ha ricordato la Sindaca Raggi - . L’obiettivo è selezionare il miglior progetto e garantire così qualità, vivibilità e servizi adeguati. L’amministrazione torna a dettare le regole di questa trasformazione”.

Sul piano procedurale, l’assessore all’Urbanistica Luca Montuori ha dichiarato che, in vista della riqualificazione “Il prossimo passo sarà la definizione del Masterplan attraverso un concorso internazionale di progettazione, fondamentale per selezionare i progetti migliori e quindi garantire la qualità delle trasformazioni”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

  • Zona arancione, oggi si decide per Roma e il Lazio: i romani dovranno abituarsi a nuove regole

Torna su
RomaToday è in caricamento