Martedì, 26 Ottobre 2021
Politica

Roghi tossici, il delegato di Raggi: "Con l'esercito romani non respireranno più i fumi"

In arrivo i militari a sorvegliare i campi rom. L'intervista a Marco Cardilli

"I cittadini non saranno più costretti a respirare fumi tossici e pericolosi". L'obiettivo è di quelli da libro dei sogni. Le periferie romane lo attendono da secoli. A prometterlo è Marco Cardilli, delegato alla sicurezza della sindaca Virginia Raggi, intervistato da RomaToday sull'ultima novità in arrivo: l'esercito a guardia delle baraccopoli. La nuova misura, annuncia, garantirà lo stop alla filiera dello smaltimento illegale e alla diossina che appesta ogni giorno chi abita vicino a un campo rom. La videosorveglianza invece, quella annunciata un anno fa? "Per l'estate le telecamere arriveranno" spiega Cardilli, insieme a un patto per la sicurezza sottoscritto da Roma Capitale, Prefettura e Regione Lazio.


Cosa devono aspettarsi i cittadini dall'arrivo dell'esercito? 

La fine allo sversamento illecito di rifiuti e ai roghi tossici prodotti per smaltirli. È l'obiettivo principale che ci siamo prefissati insieme a tutte le altre istituzioni. 

Possiamo definirlo ambizioso come traguardo, data la complessità del tema. 

E' da tempo che avevamo richiesto interventi per garantire una sorveglianza dinamica e congiunta. Ora grazie al contributo dei militari dell'operazione Strade Sicure otterremo maggiori controlli e più sicurezza per tutti i cittadini che non saranno più costretti a respirare fumi tossici e pericolosi. 

Che costi avrà l'operazione per la collettività? 

Nessuno. Verrà impiegato un plotone di riserva dei militari destinato a fronteggiare particolari situazioni di emergenza.

Per i campi dove non è previsto l'uso dei militari, ci saranno altri accorgimenti? 

Le nuove misure verranno gradualmente estese a sorpresa anche agli altri campi e nelle aree adiacenti. Ovviamente rimangono i controlli della Polizia Locale e della task force deputata ai roghi tossici, già stabilita nel tavolo tecnico attivo in Prefettura. 

A che punto è il piano rom? 

Procede, come previsto, per la Barbuta e Monachina. In particolare nel primo caso è in fase particolarmente avanzata, il bando è stato aggiudicato prima. Terminata la capillare attività di censimento delle fragilità, caso per caso, stanno procedendo speditamente soprattutto i percorsi per l'inclusione lavorativa. Siamo assai fiduciosi per il completamento del lavoro finalizzato alla fuoriuscita volontaria delle persone. 

E gli altri insediamenti?

Entreranno presto a far parte del piano, e verranno superati secondo le direttive che l'Unione Europea ci ha fornito.

Un anno fa venne annunciata l'installazione a stretto giro, fuori dai campi, di circuiti di videosorveglianza. Che fine hanno fatto?

Troveranno presto realizzazione nel Patto per la Sicurezza che a breve verrà sottoscritto tra Roma Capitale, Prefettura e Regione Lazio. Entro l'estate, una volta messi a disposizione i fondi da parte della Regione Lazio, contiamo di apporre un ulteriore tassello al complesso mosaico della legalità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roghi tossici, il delegato di Raggi: "Con l'esercito romani non respireranno più i fumi"

RomaToday è in caricamento