Domenica, 17 Ottobre 2021
Politica

Campi rom, militari contro i roghi: a Salviati e Castel Romano ci penserà l'Esercito

La decisione durante il Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica in Prefettura

Militari dell'esercito nei campi rom, per garantire la sicurezza richiesta a gran voce dai cittadini. La decisione è arrivata ieri durante un vertice in Prefettura del Comitato per l'ordine e la sicurezza. Per il momento, secondo quanto riportato da Il Messaggero, si tratta di 39 militari, quelli annunciati ieri dal ministro Matteo Salvini, che verranno impiegati nei due campi rom di via Salviati, particolarmente critico per quanto riguarda il fenomeno dei roghi tossici, e Castel Romano, tra gli insediamenti più grandi d'Italia.

Di esercito e telecamere per dichiarare guerra ai traffici di rifiuti illegali e ai roghi tossici si parla da diverso tempo. Un anno fa sempre dalla Prefettura l'annuncio del piano "Terra dei fuochi" per Roma. Prevedeva l'utilizzo dei militari e l'installazione di circuiti di videocamere intorno agli insediamenti rom. Il primo punto arriverà breve, un anno dopo. Per le telecamere ancora nessuna notizia. Il Campidoglio ha fatto sapere di essere in attesa di fondi da parte del Viminale. 

Soddisfatto il sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà. Il suo comune confina con la baraccopoli di Castel romano. "Avevo chiesto a gran voce un incontro con il Prefetto e le autorità preposte per parlare della situazione ormai insostenibile, sotto l’aspetto della sicurezza e ambientale, che la nostra città si trova ad affrontare quotidianamente. In diversi colloqui ho chiesto, come misura urgente, l’utilizzo dei militari tramite il programma Strade Sicure. La voce dei cittadini è stata finalmente ascoltata". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campi rom, militari contro i roghi: a Salviati e Castel Romano ci penserà l'Esercito

RomaToday è in caricamento