menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità, il Lazio firma un protocollo per assistere i pazienti con emofilia

Assessore D'Amato: "L’obiettivo è quello di mettere a sistema una Rete per la presa in carico del paziente"

La Regione Lazio accende i riflettori sui pazienti con emofilia. E' stato infatto approvato un decreto del commissario ad acta per la gestione delle persone affette da malattie emorragiche congenite (Mec). Lo fa sapere con una nota l'assessore all Sanità, Alessio D'Amato, che spiega che si tratta di "un protocollo operativo per la definizione del percorso assistenziale in emergenza-urgenza per i pazienti affetti da emofilia che nasce dall’esigenza condivisa con le associazioni dei pazienti e l’Associazione emofilici Lazio (Ael)". 

Ogni anno, spiega ancora l'assessore, "giungono nei pronto soccorso tra gli 80 e i 100 pazienti con emofilia. Serve un’attenzione specifica sul problema per questo l’obiettivo è quello di mettere a sistema una Rete con procedure e indicazioni per la presa in carico del paziente a partire dall’Ares 118 fino ad arrivare al triage ospedaliero presso il pronto soccorso. I punti caratterizzanti dell’intesa sono in linea con le indicazioni contenute nella Carta dei diritti della persona con emofilia”.

L'obiettivo del protocollo, spiega infine la nota, è quello di rispondere a criteri di equità nell’accessibilità alle cure su tutto il territorio regionale e determinare la realizzazione di un percorso di continuità nelle cure stesse in un’ottica di rete che coinvolge i Centri emofilia, i servizi di emergenza territoriale ed i Pronto soccorso della rete dell’emergenza.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento