rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Politica

Emergenza rifiuti, gli attacchi allo scaricabarile fra Virginia Raggi e Nicola Zingaretti

Lo scaricabarile fra Campidoglio e Regione Lazio sull'emergenza rifiuti ha scatenato diverse polemiche e attacchi alla Raggi e a Zingaretti. "Roma è nel baratro"

L’emergenza rifiuti nella Capitale continua a far discutere. Virginia Raggi in una trasmissione su Rai 1 si è definita infuriata sulla situazione rifiuti di Roma e ha attaccato la Regione Lazio che non sta facendo il suo dovere, a suo dire. Le dichiarazioni della Raggi hanno scatenato un vortice di polemiche e attacchi al Campidoglio e alla Regione. 

"Scaricabarile inacettabile"

Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici di Roma, si è scagliato contro l’inquilina del Campidoglio invocando “l’intervento delle autorità competenti di intervenire se la situazione dovesse rimanere la stessa”. Adriano Palozzi consigliere regionale del Lazio e responsabile nazionale Organizzazione di Cambiamo con Toti definisce "stucchevole il ping pong tra Raggi e Zingaretti, uno scaricabarile inacettabile che sta gettando Roma nel baratro dell’emergenza. La sindaca invece di chiedere scusa ai cittadini, difende l’indifendibile”.

La situazione dei rifiuti nella Capitale è sempre più complicata. Cassonetti pieni, e rifiuti all’esterno ed il caldo che aumenta la puzza creando ulteriori disagi. 

Su quest'ulitmo punto Massimiliano Iervolino segretario di Radicali Italiani ironizza “Non vorremmo che all’obbligo di mascherina per proteggersi dalla trasmissione da Covid-19 si arrivasse a quello per ripararsi dalla puzza”. Il segretario indiviua un problema nel fatto che in questi cinque anni l’amministrazione cinque stelle ha diminuito la capacità di Ama industriale dell’azienda, che invece avrebbe tutto in regola per costruire nuovi impianti di smaltimento dei rifiuti. 

"Attentato alla salute pubblica"

L’attacco più forte alla sindaca sul fronte rifiuti arriva da Francesco Figliomeni, consigliere di FdI e vice presidente dell’Assemblea Capitolina.

Figliomeni annuncia che è stato predisposto un esposto alla Procura della Repubblica per attentato alla salute pubblica e, chiede al Prefetto la nomina di un Commissario per rimuovere la spazzatura e igienizzare i cassonetti, se la situazione dovesse continuare. 

"L’amministrazione a cinque stelle sta riuscendo nell’impresa di far sì che i romani, siano costretti a portare la mascherina per fronteggiare questa emergenza, coprendo anche di ridicolo la città eterna" dichiara Figliomeni. Il vice presidente sottolinea come  lo scarica barile tra il Campidoglio a guida grillina e la Regione Lazio a guida PD ha il sapore della beffa dopo l’odore nauseabondo che si sta diffondendo dappertutto”.

Durissima anche Monica Lozzi, ex M5s e candidata sindaca per rEvoluzione civica. Durante l'inaugurazione del murale a piazza di via dei Levii commissionato dal Municipio VII e realizzato dall'artista Diavu', Monica Lozzi sbotta furibonda: "Non esiste. 5 anni fa ero qui come volontaria a ripulire la piazza dalla mondezza, poi da Presidente, insieme alla mia squadra e ai cittadini, riesco a far riqualificare la piazza, montare arredi di pregio, commissionare un'opera d'arte bellissima dedicata a don Roberto Sardelli, inaugurarla e davanti a noi cosa c'è? Ancora mondezza!! Come 5 anni fa! Tutto questo è devastante...". La Presidente ha poi proseguito dicendo:" A che serve l'impegno di un intero territorio se poi tutto viene rovinato da un'Amministrazione che evidentemente a quel territorio non ci tiene per nulla? " Con la voce rotta dalla rabbia e dall'emozione la Lozzi ha così concluso:"Come vedete io non faccio anticipare i miei spostamenti da paggetti che puliscono lì dove passo. Come Presidente di Municipio io ci metto sempre la faccia, e l'ho fatto anche oggi. I cittadini non meritano tutto questo..."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza rifiuti, gli attacchi allo scaricabarile fra Virginia Raggi e Nicola Zingaretti

RomaToday è in caricamento