Politica

Crisi rifiuti da Balduina a Centocelle: Roma è ancora una discarica a cielo aperto

Da nord a sud strade e marciapiedi in sofferenza e residenti infuriati

Stando alle promesse di Ama la crisi dei rifiuti doveva rientrare una settimana fa. Era il 4 ottobre e il presidente e ad della partecipata Lorenzo Bagnacani dichiarava: "Da sabato tutto dovrebbe tornare in una condizione di normalità". E invece quello in corso è l'ennesimo fine settimana indecoroso per le strade della Capitale. Ieri a Ponte di Nona un gruppo di residenti infuriati ha trasformato la strada in un muro di immondizia. Da Balduina ai Colli Portuensi, dal Tuscolano a Centocelle a San Lorenzo. Le segnalazioni arrivano alla redazione da tutta la città. Sono pochi i quartieri che si salvano da cassonetti affogati in mezzo a montagne di sporcizia. 

Impianti di trattamento in sofferenza e raccolta a singhiozzo hanno trasformato nuovamente la città in una discarica a cielo aperto. E' il solito copione. E stavolta non si limita al weekend o a un ponte con festivi che si sommano uno dietro l'altro. Va avanti ininterrotta da dieci giorni. Perché ad aggravare il quadro di un ciclo di smaltimento non autonomo e dipendente da siti fuori Roma, ci sono due elementi nuovi. 

Il primo: le difficoltà nella raccolta dei rifiuti per le utenze non domestiche. Il contratto con la coop 29 giugno è stato interrotto a fine settembre, ma il nuovo servizio appaltato a quattro ditte private non parte prima di fine ottobre. Il risultato? Che Ama dovrebbe dare una mano a riempire il vuoto in queste settimane, ma a giudicare dalle pile di cartoni e plastiche accatastati fuori dai negozi o dai mercati rionali (vedi foto in basso dal mercato Esquilino), la toppa non basta a garantire un livello di raccolta almeno accettabile.  

mercato esquilino-6

Poi c'è il secondo elemento: la mobilitazione dei lavoratori dell'azienda. Il 22 ottobre lo sciopero indetto da Cgil Cisl e Fiadel per la mancata approvazione del bilancio che impedisce le nuove assunzioni promesse dal Comune. Nel frattempo sono già in corso assemblee giornaliere nei depositi e nelle officine, che gioco forza tolgono decine di operatori al servizio su strada. Il risultato è nuovamente sotto gli occhi dei romani. Per giovedì 18 è previsto un consiglio comunale. In calendario anche la mozione di sfiducia del Pd all'assessore all'Ambiente Pinuccia Montanari. Così il capogruppo dem Antongiulio Pelonzi: "Chiediamo alla sindaca Virginia Raggi di rimuovere l'assessore e i responsabili di un disastro economico e ambientale che oltre ai disagi ai cittadini procura un danno d'immagine alla città di proporzioni enormi". 

Qui tutte le segnalazioni dei lettori

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi rifiuti da Balduina a Centocelle: Roma è ancora una discarica a cielo aperto

RomaToday è in caricamento