Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica Centro Storico / Piazza di Porta Capena

In piazza per salvare i pini: “Il comune fermi abbattimenti e potature”

Italia Nostra e decine di comitati chiedono d’investire nella lotta alla cocciniglia tartaruga

La manifestazione in piazza di Porta Capena

Fermare gli abbattimenti e le potature per investire nel contrasto alla Toumeyella parvicornis. Italia Nostra, insieme ad altre 23 realtà associative, è scesa in piazza per difendere il destino dei pini.

Lo strumento a disposizione

Contro la cocciniglia tartaruga, l’insetto originario dei caraibi che sta facendo incetta dei pini romani. “Oggi abbiamo finalmente un’arma in più” hanno sottolineato gli aderenti alla manifestazione, organizzata il 12 giugno in piazza di Porta Capena. Lo strumento a disposizione è quello che prevede il ricorso dell’endoterapia. E’ stato infatti firmato dal Ministero dell’agricoltura un decreto emergenziale che, per fermare l’infestazione,  prevede di intervenire con le iniezioni nei tronchi di fitofarmaci autorizzati. 

Stop ad abbattimenti e potature

“Non ci sono più scuse, bisogna provvedere” ha ricordato Italia Nostra, nel lanciare l’appuntamento in piazza. “Il rischio è di perdere nel giro di pochi mesi un patrimonio arboreo immenso” visto che, solo a Roma, si stima ci sia “circa 80% di Pinus pinea in pericolo”. Per questo le associazioni ed i comitati che hanno aderito all’appello ed alla manifestazione, hanno chiesto al comune di fermare gli abbattimenti indiscriminati “che invece stanno continuando, senza alcuna preventiva informazione ai cittadini ed in contrasto con il Regolamento del verde”. Parallelamente viene chiesto di bloccare le potature dannose alle piante infestate e provvedere invece con urgenza alla cura. 

Le richieste al Comune

A Roma Capitale, le 24 associazioni che hanno lanciato l’iniziativa chiedono “a seguito del decreto emergenziale di lotta alla Toumeyella, di provvedere a salvare il patrimonio di pini, oggetto di infestazione con le adeguate ed urgenti cure; che a fronte di quanto stanziato per gli abbattimenti e le potature, vengano stanziati i finanziamenti necessari per le cure idonee per i pini, con un primo stanziamento di almeno 10 milioni di euro”. 

Le richieste alla Regione

Le realtà che avendo a cuore la salute dei pini hanno aderito all’iniziativa del 12 giugno, hanno rivolto delle richieste anche alla Regione Lazio. All’ente governato da Zingaretti è stato infatti ribadita l’attivazione di una “una task force ad hoc, uno staff tecnico che affianchi il Servizio Fitosanitario” considerato “esiguo a fronte del compito che deve affrontare”. Parallelamente alla Regione si chiede di predisporre provvedimenti urgenti che forniscano “indirizzi tecnico operativi sia per le aree urbane che per le riserve” al cui interno siano presenti delle pinete. Il destino degli alberi simbolo della capitale, passa per le misure che sapranno mettere in campo i due enti. Ed anche per l’attenzione che, cittadini e comitati, continuano a dimostrare nei confronti dei Pinus pinea, gli alberi simbolo della Capitale.

Alla manifestazione del 12 giugno hanno aderito:

“Italia Nostra”, “ Italia Nostra, sez Roma”, “Salviamo il Paesaggio coordinamento di Roma”, “Salviamo i Pini di corso Trieste”, “CittadinanzaAttiva Nomentano Trieste”, “Amici dei Pini di Roma”, “Associazione Progetto Celio”, “SAP Silvicoltura Arboricoltura Paesaggio”, “CRES Coordinamento Residenti Città Storica”, “Comitato Villa Glori”, “Comitato Cittadini e Residenti EUR”, “Extinction Rebellion Roma”, “Amici di Villa Pamphilj”, “Cittadini riuniti per salvare i pini di Saxa Rubra", “Salute e Ambiente EUR”, “Comitato Archeologico S. Agnese”, “L’Altritalia Ambiente”, “Zona Verde”, “Associazione GENTES quartiere giuliano-dalmata”, “Comitato Nazionale Paesaggio”, “Banda Gassotti”, “Comitato Roma 12 per i Beni Comuni”, “Comitato Mura Latine”, “Cantiere sociale e culturale la Tela”, “Associazione Salviamo le Riserve di Procoio”, “MareVivo”, “Comitato in difesa di villa Borghese”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In piazza per salvare i pini: “Il comune fermi abbattimenti e potature”

RomaToday è in caricamento