menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Zingaretti e Gualtieri (foto Ansa)

Zingaretti e Gualtieri (foto Ansa)

Comunali 2021, Zingaretti placa i malumori: "Gualtieri? Sarà la città a scegliere il suo candidato" 

Il segretario del Pd rassicura: nessun nome calato dall'alto, il confronto ci sarà. A chiederlo in queste ore le diverse componenti della coalizione del centrosinistra romano

"Roberto è una persona eccezionale e non ha bisogno dei miei consigli. Io sono amministratore a Roma da 13 anni, la conosco palmo a palmo, ho sempre vinto e so che Roma deve scegliersi il suo sindaco e non accetterà nessuno che glielo impone. Ogni città deciderà come e quando mettere in campo le candidature". Così il segretario del Pd Nicola Zingaretti, ospite a Cartabianca, a proposito dell'ipotesi di candidatura dell'ex ministro Roberto Gualtieri a sindaco di Roma. 

Parole che sembrano servire a rassicurare chi da più parti ha chiesto un confronto sul nome del candidati. Niente volti calati dall'alto, senza una discussione che parta dal Tavolo di coordinamento del centrosinistra, istituito lo scorso autunno proprio come strumento di trasparente confronto tra le diverse anime della coalizione. Il nome di Gualtieri è emerso con forza negli ultimi giorni, specie da quando non è rientrato da ministro nella squadra del governo Draghi. La proposta dalla segreteria del Nazareno è arrivata e il diretto interessato ci starebbe ancora pensando. Detto ciò, non potrebbe bypassare il confronto con il partito romano. 

"Sì a Gualtieri ma si apra il confronto"

"Gualtieri è un'ottima persona, ma non c'è stata ancora una discussione. Non vorrei un nome di uomo scelto da caminetti di uomini" ha dichiarato ieri a RomaToday la presidente del I municipio Sabrina Alfonsi, profondamente delusa dall'assenza di donne dem tra i ministri di Draghi. "Per quanto mi riguarda sarebbe arrivato il momento di mettersi intorno al tavolo" ha dichiarato anche Stefano Fassina, deputato di Liberi e Uguali e consigliere capitolino di Sinistra per Roma, pur sottolineando la figura che può essere "di sintesi della pluralità della coalizione".

Piero Latino, segretario romano di Articolo 1, ha dichiarato all'agenzia Dire: "Gualtieri ha l'autorevolezza e l'esperienza di chi ha fatto il parlamentare europeo prima e il ministro dell'Economia dopo e sicuramente la sua rappresenta una proposta più equilibrata di Calenda per tenere insieme il campo del centrosinistra. Noi però vogliamo discuterne e decidere nel tavolo del centrosinistra". 

Sulla stessa linea Adriano Labbucci, segretario romano Sinistra italiana: "Gualtieri lo abbiamo già sostenuto nel collegio Roma Centro alle elezioni suppletive alla Camera dei Deputati. Se questa fosse la proposta del Pd non ci troverebbe contrari, anche se continuiamo a dire al Pd che se si inizia un percorso al tavolo del centrosinistra questo va portato avanti, partendo dai contenuti per poi arrivare ai candidati. E questo lavoro si è interrotto per responsabilità del Pd". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento