rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Elezioni Comunali Roma 2021

Il sondaggio di Sinistra Civica Ecologista: "Gualtieri cammina in affanno, la sinistra decisiva"

I numeri in una consultazione commissionata dalla lista che prepara la "Rivoluzione d'Ottobre": "Possiamo arrivare al 4%". E prenota il vicesindaco.

Sintesi dei numeri che da qualche giorno girano nelle chat della coalizione progressista: Roberto Gualtieri, candidato sindaco del centrosinistra, ce la può fare; ma il Partito Democratico non buca e le altre liste sono decisive. Nella coalizione a suo sostegno è dunque battaglia per il secondo posto: le sigle se lo contendono e sono pronte a misurare la propria forza anche con l'ausilio di sondaggi. Una in particolare: Sinistra Civica Ecologista che, per saggiare la propria performance ai nastri di partenza, ha commissionato una rilevazione a un istituto demoscopico nazionale.

I risultati: il PD è un pelo sotto il 21%, al 20,9. Nell'ambito della coalizione, secondo partito è appunto Sinistra Civica Ecologista, al 2,9%. Segue la Civica Gualtieri animata da Alessandro Onorato e Tobia Zevi che può arrivare al 2.6%. I verdi sono vicini al 2%, tutti gli altri a scendere, con Roma Futura di Giovanni Caudo e Demos di Paolo Ciani sotto l'1%, non in condizioni dunque di eleggere nemmeno in caso di vittoria. Il polo di centrosinistra ha un bacino potenziale del 6,3%, una percentuale di elettori disposti a votare per il blocco progressista ma che non hanno ancora deciso. 

Su quest'area punta ad incidere la campagna di Sinistra Civica Ecologista, "Facciamo la rivoluzione di ottobre", pronta a decollare il 13 agosto con il volano di nomi nazionali come Massimiliano Smeriglio, Loredana de Petris, Nicola Fratoianni, Stefano Fassina e Paolo Cento. Da ambienti della lista trapela soddisfazione: "Con questi numeri la proiezione per la lista è di essere la seconda forza della coalizione, capace di eleggere in Campidoglio (2-4 consiglieri) ed anche nei municipi, Possiamo arrivare al 4%", viene spiegato a Roma Today. Non solo: se la lista della sinistra fosse determinante, come appare da questi numeri, gli esponenti della sinistra unitaria "in caso di successo rivendicheranno ruoli di governo centrali, a partire da quello di vicesindaco", si legge sul Tempo in edicola il 12 agosto che riporta i risultati della consultazione.

Ma prima di discutere di poltrone c'è da vincere le elezioni e i numeri radunati da Sinistra Civica Ecologista dimostrano che il sentiero è ancora tutto da percorrere. Il Movimento Cinque Stelle è al 22%, la coalizione a sostegno di Enrico Michetti vede Fratelli d'Italia al 19%, la Lega poco sopra l'8%, Forza Italia al 4% più il contributo minore di Rinascimento - Cambiamo; intorno al 3% lo spazio di espansione del candidato di centrodestra. Le liste a sostegno di Calenda si fermano intorno al 7%, molto sotto il consenso al candidato sindaco, indice di molti voti disgiunti. Su Repubblica il commento di Amedeo Ciaccheri: "Sara una partita dura, ma la coalizione di centrosinistra dimostra di poter vincere". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sondaggio di Sinistra Civica Ecologista: "Gualtieri cammina in affanno, la sinistra decisiva"

RomaToday è in caricamento