rotate-mobile
Elezioni Comunali Roma 2021

Roma Futura, la smentita: "La Rete dei Numeri Pari non appoggia nessuna lista"

Il network di soggetti della solidarietà si chiama fuori dal progetto di Giovanni Caudo e da ogni altro percorso politico: "Da settembre 2020 lavoriamo su Mosaico Roma e parliamo con tutti"

La Rete dei Numeri Pari non appoggia e non è parte del percorso di Roma Futura impostato da Giovanni Caudo, né di altri percorsi politici o liste. Lo afferma l'ufficio stampa in una secca smentita recapitata alla redazione di Roma Today nella serata del 10 agosto. "All'interno di nessuna lista sono presenti candidature in rappresentanza della Rete", spiega il network dei soggetti della solidarietà, attivo a Roma da diversi anni nel contrasto alla povertà e alle disuguaglianze sociali: "Al massimo ci sono persone singole, parte di Associazioni iscritte alla Rete, che autonomamente scelgono di fare questo percorso", continua la RNP: "La Rete non esprime nessuna posizione univoca, né sostiene candidature. La decisione di singole persone e/o associazioni che scelgono di farlo non impegna certamente la Rete dei Numeri Pari nel suo complesso. Da settembre 2020 lavoriamo al percorso di Mosaico Roma che ci porterà a esprimere delle proposte politiche ai candidati e alle candidate Sindaco che è cosa ben diversa". 

Il 28 luglio 2021 presso Largo Venue al Prenestino si è tenuto l'evento di lancio della lista Roma Futura, trasmesso in diretta sui portali social del progetto politico. Al minuto 51 Marta Bonafoni, consigliera regionale, promotrice di POP - Idee in movimento, network della sinistra che aderisce a Roma Futura, chiama sul palco Giuseppe de Marzo: storico attivista del mondo del mutualismo e della solidarietà, attivo a Roma e in tutta Italia, De Marzo ha coordinato il progetto "Miseria Ladra", un'iniziativa lanciata da Libera e da Gruppo Abele. Proprio da Miseria Ladra ha origine la Rete dei Numeri Pari ("La Rete – che prende idealmente il testimone dalla campagna Miseria Ladra ed è stata inizialmente promossa dal Gruppo Abele e da Libera", si legge sul sito della RNP) di cui De Marzo è fondatore. 

Ecco le parole con cui Marta Bonafoni invita al microfono De Marzo: "Simone parlava di chi incarna le battaglie e chi incarna i temi, eccolo: Peppe De Marzo, ti chiedo di salire. Anche lui è un volto che abbiamo il piacere di avere al nostro fianco. Peppe è Rete dei Numeri Pari, Peppe è giustizia ambientale, Peppe per me è il Social Forum e Genova 20 anni fa, sono i giorni in cui la ricordiamo e ci fa tanta rabbia. Lì c'era la città futura, certo che c'era: ci hanno menato ma siamo ancora qua". De Marzo inizia il suo intervento dicendo: "Ci siamo trasformati in altre cose, ma siamo ancora qui. Dico subito il motivo della mia presenza, magari per i giornalisti presenti: è che in questi anni abbiamo costruito un lavoro ed è bene che lo sappiate tutti". Il suo intervento si dipana poi sui temi dell'antimafia, della giustizia sociale e del welfare sostitutivo fornito dalla criminalità organizzata ed è riportato nel pezzo di Roma Today del 29 luglio. Il 10 agosto fonti interne di Roma Futura confermano a RomaToday che difficilmente De Marzo sarà candidato nella lista inaugurata da Giovanni Caudo, ma "la Rete c'è", posizione riportata nell'articolo uscito nella mattinata del 10

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma Futura, la smentita: "La Rete dei Numeri Pari non appoggia nessuna lista"

RomaToday è in caricamento