Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Elezioni Comunali Roma 2021

Sergio Iacomoni sindaco: ecco il programma del Movimento Storico Lista Nerone

Dall’esaltazione di Roma al rilancio di storia e cultura fino alla riduzione della produzione dei rifiuti entro il 2030. Ecco le XII Tavole del programma di Nerone. E sulla mobilità “veni, vidi, bici”

Dall’esaltazione di Roma, e non Roma Capitale, al rilancio di turismo e cultura fino all’impegno sulle case popolari e la sicurezza stradale. E’ un programma ricco quello di Sergio Iacomoni, il Nerone candidato sindaco. XII Tavole quelle presentate dalla Lista Nerone per la "conquista democratica del colle capitolino". 

Roma Eterna

Il Movimento Storico Romano propone di ripristinare il nome della Città Eterna: Roma e non Roma Capitale pur sottolineando la necessità di una futura attribuzione di poteri speciali. C’è poi la volontà di celebrare feste e ricorrenze, di onorare la storia e il popolo di Roma riconoscendo la grandezza e la fierezza dei suoi eroi e persino dei suoi antagonisti. "Vanno realizzate due statue, da dedicare a Spartaco e a Menenio Agrippa a Monte Sacro, e un piccolo parco della rappacificazione e del riconoscimento dei popoli del mondo con le statue dei più acerrimi nemici di Roma (Brenno, Annibale, Pirro, Viriato, Vercingetorige, Arminio, Decebalo, Buticca, Zenobia,Fritigerno, Alarico, Attila)", si legge nella prima tavola della Lista Nerone.

Elezioni Roma, la campagna elettorale si "infiamma": spuntano i cartelloni per Nerone sindaco

In nome del popolo romano

Democrazia, burocrazia, partecipazione, decentramento, sovranità popolare, trasparenza. Sono questi i punti su cui la squadra guidata da Sergio Iacomoni vuole lavorare: meno eletti in Campidoglio, con tanto di narco test periodico obbligatorio; decentramento dei municipi e un patronato civico di quartiere in ognuno dei quindici affinchè “assista i cittadini e canalizzi le loro istanze e ricorsi gratuiti in tema di accesso ai documenti, al Difensore civico regionale o metropolitano”. 

Roma Sacra, del turismo e della cultura

C’è poi la Roma Sacra: quella dei rapporti con il Vaticano, con le confessioni religiose, jubilei, pellegrinaggi e libertà di culto. La Roma città del turismo e degli spettacoli con la proposta di potenziare strutture ricettive, mobilità turistica, musei, mostre, siti turistici, grandi eventi culturali e di spettacolo. Attenzione anche ad arte e cultura: dal teatro alla danza, artigianato, editoria, moda, scienza, scuola e università. “Si propone una strategia d’intervento per la valorizzazione del patrimonio culturale e, in particolare, dei siti archeologici, affidando la gestione dei siti in particolare quelli chiusi, con un capitolato che ne definisca tempi e modalità, senza costi per le  casse comunali coinvolgendo le associazione di rievocazione storica”. 

Roma Città dell’uguaglianza e del lavoro

“In tutti i Municipi, sotto il controllo del Servizio sociale, deve essere avviata la quotidiana distribuzione straordinaria di pane, pasta biscotti e altri generi alimentari alle famiglie bisognose che ne facciano richiesta senza eccessi di burocrazia, viste le drammatiche conseguenze economiche della pandemia. Tale servizio affiancherà il prezioso lavoro delle associazioni di volontariato” - scrive nel programma la Lista Nerone. Nella VI Tavola c’è poi il taglio delle tasse per l’occupazione di suolo pubblico e le facilitazioni per l’apertura delle botteghe artigiane. 

Roma città di mura e case

Per il punto Roma città di mura e case la proposta è quella del completamento dei Piani di Zona, lo sblocco di opere e progetti strategici e il completamento delle opere a scomputo. “Forniamo alloggi a prezzi calmierati, sia in proprietà che in locazione, a soggetti con determinati requisiti, con particolare attenzione rivolta alle giovani coppie”. La Lista Nerone vuole anche rilanciare l'edilizia residenziale economica e popolare pubblica senza consumo di suolo ma riqualificando aree degradate. 

La mobilità: veni, vidi, bici

“Veni, vidi, bici” è scritto nel programma di Sergio Iacomoni nella tavola dedicata alla mobilità, a patto però “che le piste ciclabili siano quotidianamente manutenute in perfette condizioni dalle istituzioni del territorio”. Più attenzione a bus e aree dedicate ai pedoni, a cominciare dalla segnaletica. “L'area del Colosseo e Via dei Fori Imperiali va pedonalizzata. L'aria sarà più pulita, il cielo più limpido”. Ma non solo storia: la IX tavola punta a innovazione logistica e infrastrutturale, grandi opere. 

“Riduzione dei rifiuti entro il 2030”

Sul tema dei rifiuti l’obiettivo è quello di ridurne sostanzialmente la produzione entro il 2030 decentrando a livello municipale il controllo sulla raccolta attraverso pure l’implementazione delle isole ecologiche. “Coinvolgiamo i condomini e le attività commerciali nella pulizia dei marciapiedi antistanti con esenzione da alcuni tributi”. 

“Restituiamo a Roma la sua Grande Bellezza partendo dalle periferie, migliorando la luminosità che in alcuni quartieri è stata ridotta con la motivazione del risparmio energetico, sostituendo i lampioni con i LED appropriati. Oggi invece molti quartieri risultano al buio”. Una città in cui ripristinare e favorire: legalità, incolumità, lotta alla criminalità, vigilanza urbana ed educazione civica. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sergio Iacomoni sindaco: ecco il programma del Movimento Storico Lista Nerone

RomaToday è in caricamento